Cosa sono i dividendi (e come usarli per guadagnare)

Sei alla ricerca di un modo per guadagnare dai tuoi investimenti e vuoi capire cosa sono i dividendi?

Sei sull’articolo giusto, difatti vedremo come i dividendi permettono agli investitori di ottenere un reddito dal proprio portafoglio senza dover vendere alcuna azione.

Parlerò nel dettagli di cosa sono i dividendi e di come possono essere utilizzati come strumenti di guadagno per gli investitori più accorti.

Inoltre, fornirò indicazioni su come scegliere titoli che pagano dividendi regolari, impostare piani di reinvestimento e valutare i rendimenti dei dividendi in modo da massimizzare i benefici dei rendimenti finanziari nel tempo.

Cominciamo a capire cosa sono esattamente i dividendi e perché possono essere un ottimo modo per ottenere un reddito aggiuntivo riducendo al contempo alcuni rischi associati agli investimenti sui mercati.

Che cosa sono i dividendi

I dividendi sono dei pagamenti che vengono effettuati da una società a tutti i loro azionisti.

Questo capitale viene preso direttamente dagli utili, di conseguenza più ha guadagnato e più sarà possibile che ci pagherà una cifra interessante.

I dividendi vengono pagati a tutti color oche possiedono delle azioni di una società

Se possediamo un’azione di un’azienda che stacca dividendi, allora riceveremo il loro pagamento direttamente dal nostro broker sotto forma di contante sul conto.

In un contesto di pianificazione finanziaria, questo tipo di guadagno può rivelarsi un’arma vincente.

Come guadagnare con i dividendi

Una delle rendite passive preferite da chi aspira a diventare finanziariamente indipendente (come me) è di certo questa.

Inserire in portafoglio azioni di società che pagano un dividendo è parte fondamentale di una strategia per avere un flusso di cassa costante nel tempo, senza sforzo.

Warren Buffett, solo con i dividendi pagati dalle azioni di Coca Cola, guadagna 176 milioni di dollari ogni tre mesi.

Se investiamo con costanza, alla lunga saremo ripagati dalla rendita dei nostri titoli
I guadagni da dividendi possono raggiungere cifre altissime

Il guadagno tramite i dividendi consiste quindi nell’acquisto di azioni e basta. Non dovremo preoccuparci di altro, dato che le procedure sono tutte automatizzate e noi dovremo andare solo a controllare periodicamente il saldo ed i vari versamenti.

Come funzionano i dividendi

L’importo, la periodicità e la tipologia di dividendi sono gli aspetti più importanti da tenere a mente quando si seleziona l’azione e l’importo da acquistare.

Come vengono calcolati

L’ammontare del dividendo si valuta con il dividend yield, che è un numero che indica quanto ci viene pagato in rapporto al valore dell’azione.

Per esperienza, un valore superiore al 4% inizia ad essere pericoloso perché la società potrebbe andare in affanno di cassa in caso di problemi, e potrebbe annullarlo o diminuirlo.

Con le conseguenza negative del caso che vedremo a breve.

Il loro valore viene deciso in assemblea dal consiglio di amministrazione, in base agli utili e a quanto si vuole compiacere gli azionisti.

Questa è una delle comunicazioni più importanti che si attendono, in quanto ci fa capire in maniera chiara come stanno le finanze della società e quali sono le visioni future dei dirigenti.

Perché è pericoloso annullare o calare il dividendo

Ricevere un dividendo non è cosa certa, nemmeno se la società ha chiuso l’esercizio in utile e se ci ha abituato a farlo.

Ci sono dei ragionamenti che devono essere fatti, sia a livello economico che anche politico e sociale. In ogni caso, è molto difficile tornare indietro.

Quando si inizia a pagare utili sempre crescenti negli anni, si iniziano ad avere dei benefici. Il più importante è quello di essere inclusi nella lista dei Dividend Aristocrats, ovvero le società più capitalizzate che hanno incrementati i loro dividendi per oltre 25 anni.

Se entriamo in questa elite, il mercato ci vedrà come dei titoli affidabili sui quali puntare anche in caso di crolli diffusi.

Se siamo costretti ad annullarli o abbassarli, usciremo subito da questa categoria con il rischio che si scateni una vendita importante di azioni e la nostra società potrebbe risentirne dal punto di vista del prezzo delle azioni e della capitalizzazione.

Quando viene pagato il dividendo

La data ex dividendo è quella entro la quale dobbiamo essere in possesso dell’azione per poter ricevere il pagamento.

Se questa data è il 18 settembre e il pagamento del dividendo avverrà il 30 settembre, noi avremo diritto a riceverlo anche se la venderemo, ad esempio, il 20 settembre.

Il pagamento dei dividendi è deciso da ogni società per azioni in maniera indipendente. Esso può essere mensile, trimestrale, quadrimestrale, semestrale o annuale.

Piaggio, ad esempio, mi paga i dividendo solo una volta ogni 365 giorni.

La realtà è che non cambia nulla in pratica. Difatti l’importo del pagamento viene semplicemente diviso in più parti, se viene pagato più di frequente durante l’anno.

Emotivamente e psicologicamente, invece, avere un introito frequente, anche se minore, ci invoglia a perseverare nell’investimento e ad apprezzare molto di più questo guadagno.

La mia pagina dei guadagni da dividendi ti può far capire a quanto ammontano e quanto di frequente li percepisco.

Per capire quando una società stacca questi pagamenti, puoi andare sulla sezione investitori del loro sito web oppure dare un’occhiata a dividendmax.com.

Nell’immagine qui sotto, dove prendo ad esempio le azioni di Coca Cola (KO), vediamo come il loro pagamento è definito “quarterly“, ovvero ne riceveremo una quota ogni tre mesi.

ammontare del dividendo che spatta ad ogni azionista e frequenza di pagamento del dividendo
I dividendi vengono pagati agli azionisti periodicamente

Quali titoli pagano dividendi

Gli strumenti finanziari che staccano un dividendo sono le azioni e gli ETF (non tutti, come abbiamo visto).

Azioni da dividendo e azioni growth

Diventando azionisti di una società che paga parte degli utili in dividendo è una situazione ideale per chi cerca un flusso di cassa continuo senza doversi preoccupare di vendere i propri titoli.

Allora perché alcune non lo fanno? Sto parlando di società famose e molto capitalizzate come Alphabet, Amazon e Meta.

Alcune società non pagano dividendi in quanto preferiscono investire nuovamente tutti gli utili all’interno della società per crescere più velocemente senza doversi preoccupare a ricercare capitale.

Esse vengono definite azioni growth in quanto puntano sulla crescita e il nostro guadagno avverrà, inevitabilmente, solo alla vendita.

Ma il prezzo di questi titoli ha la potenzialità di crescere molto più in fretta rispetto a quelle che investono meno utili per pagare dividendi agli azionisti.

Parlando di Coca Cola, ha ormai un modello di business chiaro e preciso e ha un vantaggio competitivo innegabile che difficilmente perderà.

Può quindi permettersi di crescere meno e di “vivere di rendita” continuando a fare quello che sta facendo da anni.

Qui sotto possiamo vedere i grafici degli ultimi 5 anni di Coca Cola e Alphabet (Google).

Coca Cola paga dividendi ma ha una cresicta minore
Le azioni di Coca Cola pagano dividendi in base agli utili

Una crescita del 39% negli ultimi 5 anni, e attualmente ci troviamo ai massimi storici. L’andamento è stato costante, fatta eccezione per il crollo durante l’inizio del lock down.

Qui sotto invece possiamo vedere come la crescita sia del 89% nello stesso periodo di tempo. Il tutto, chiaramente, avendo una visione diversa e reinvestendo tutti gli utili per crescere più in fretta possibile.

Il capitale sociale di Alphabet è elevatissimo ma punta ancora alla crescita non pagando dividendi agli azionisi
Andamento delle azioni di Alphabet (Google)

Scegliere azioni che pagano dividendi o no?

La scelta è personale e deve essere basata solamente sulla nostra strategia di lungo termine e dalla nostra pianificazione finanziaria.

I dividendi fanno comodo se vogliamo avere una rendita costante e (si spera) crescente negli anni.

Riceverò il pagamento nella data ex dividendo dichiarata dalla società della quale sono azionista
Il flusso di cassa da dividendi è molto bello

Se invece vogliamo avere un portafoglio con azioni che aumentano molto di valore nel tempo, dobbiamo valutare i titoli ad accumulazione.

Come sono tassati i dividendi

I dividendi sono tassati al 26%, in quanto costituiscono un guadagno da capital gain.

Questo pagamento può essere effettuato direttamente dal nostro broker, se opera in regime di sostituto d’imposta.

Proprio come vedi qui sotto, preso dal mio home banking di Fineco.

Ecco cosa sono i dividendi e come vengono tassati
Il dividendo è tassato del 26%

Altrimenti dovremo occuparcene noi andando a interpellare un commercialista o iscrivendoci a piattaforme che offrono questo servizio (come MoneyViz).

La doppia tassazione sui dividendi esteri

Se percepiamo dei dividendi da società estere, dovremo pagare una doppia tassazione. Prima nella nazione di provenienza e poi in Italia.

Facendo l’esempio di una azione americane, abbiamo un 15% di tassazione sul dividendo e solo successivamente il 26% dello stato italiano.

La cifra che riceviamo nel nostro conto è già stata diminuita della trattenuta americana, quindi non la vediamo neppure.

E’ possibile farsela rimborsare attraverso una procedura particolare che ha dei costi e delle tempistiche tali che la rendono anti economica per somme modeste.

Le migliori azioni da dividendo

Iniziare a muovere i primi passi in questo mondo potrebbe essere difficile, proprio per questo ho deciso di darti un consiglio su alcuni titoli da andare a visualizzare e studiare, per capire tutte le varie caratteristiche che ricerchiamo.

Una chicca particolare è data dalla prima società, che paga un dividendo mensile. Ciò vuol dire che riceveremo ogni mese un pagamento sul nostro conto.

Ecco una lista delle 5 migliori azioni da dividendo secondo il mio giudizio:

  • Realty Income (O) – Dividendo mensile
  • Apple (AAPL) – Dividendo trimestrale
  • Abbvie (ABBV) – Dividendo trimestrale
  • Johnson & Johnson (JNJ) – Dividendo trimestrale
  • Coca Cola (KO) – Dividendo trimestrale

Come diventare azionisti di una società

Se vogliamo percepire il dividendo di una società, dovremo diventare degli azionisti. Questo si fa semplicemente investendo nelle loro azioni.

Così facendo diventeremo soci e proprietari di un pezzo di questa società ed avremo alcuni diritti, tra i quali quello di percepire i pagamenti di un dividendo periodico.

Concludendo

Ora che abbiamo visto cosa sono i dividendi, perché investire nelle società che li pagano e quali azioni ne danno diritto, spero tu abbia le idee più chiare.

Un investimento equilibrato dovrebbe avere al suo interno azioni da dividendo (dette stock dividend) e anche azioni growth, che può variare da persona a persona.

Non esiste la strategia perfetta, quindi valuta in base ai tuoi obiettivi e alla tua propensione al rischio.

Sei un investitore che ama lo stacco del dividendo oppure al momento vuoi vedere il portafoglio in crescita per cambiare strategia nel futuro?

Fammelo sapere nei commenti o via mail a info@diventeromilionario.it.

Rimani aggiornato (e ricevi gratis il mio ebook)!

Se vuoi rimanere aggiornato e ricevere gratuitamente il mio libro “Da Dipendente ad Imprenditore – Le 5+1 Regole Fondamentali” inserisci la tua mail qui sotto!


Disclaimer

Questo articolo ha solo scopo informativo e NON formativo. Gli argomenti trattati non devono intendersi come consigli finanziari che suggeriscono la vendita o l’acquisto dei titoli finanziari trattati.

Bisogna sempre ragionare con la propria testa e agire solo se si ha ben chiaro cosa stiamo facendo. In caso contrario, meglio rimanere fermi.

In ogni caso investi solo capitale che sei disposto a perdere, perché è quello che potrebbe succedere!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *