eBay abbandona PayPal

eBay abbandona PayPal (cosa cambia per chi vende?)

Dopo diversi mesi di annunci, purtroppo è arrivato il momento. Ebay abbandona PayPal per integrare un suo metodo di pagamento interno basato su Adyen.

Nel caso non lo sapeste (nemmeno io lo sapevo) queste tre aziende sono quotate in borsa.

In questo articolo andiamo a dare un’occhiata ai tre titoli per vedere come hanno performato negli ultimi anni e durante la crisi del Covid-19.

Tornando a noi, dal 30 aprile 2021 saremo obbligati a registrarci a questo nuovo metodo con i pro e i contro del caso, che andremo a vedere a breve.

La domanda… Cosa cambia?

La cosa che tutti, me compreso, si staranno chiedendo è: Cosa cambia in pratica per chi compra e per chi vende su eBay ora che PayPal verrà pian piano abbandonato?

Chi compra

Gli acquirenti non devono preoccuparsi troppo (e ci mancherebbe). Difatti questa mossa di eBay è dovuta alla volontà di rendere il processo di acquisto molto più semplice e lineare.

Ora difatti quasi tutti optano per il pagamento con PayPal, che viene elencato in prima posizione nella form di pagamento, come possiamo vedere nell’immagine qui sotto:

Metodi di pagamento accettati da eBay
Metodi di pagamento accettati da eBay

Questo espone eBay a due problemi:

  1. Il processo di pagamento si allunga di diversi passaggi in quanto si deve essere rediretti a PayPal, effettuare il login, accettare, poi rientrare su eBay e confermare l’acquisto
  2. Cosa più importante, se non si ha un account PayPal è necessario crearlo. Certo, si può usare PayPal da ospiti solo inserendo la carta di credito ma questa opzione, a mio modo di vedere, è sempre stata un po’ snobbata e mai pubblicizzata a dovere.

Andando ad analizzare un suo concorrente, tale Amazon.it, possiamo vedere come da app il processo di acquisto sia così immediato da non accorgersi nemmeno di star comprando qualcosa

Scorriamo per acquistare
Scorriamo per acquistare

La tendina si apre direttamente nella scheda prodotto e via. Tutto questo perché Amazon ha in memoria la nostra carta di credito e non necessita di ulteriori passaggi per autorizzazioni varie.

Di sicuro anche eBay arriverà a questo, ovvero offrire solo un metodo di pagamento interno al quale possiamo associare una o più carte di credito/buoni acquisto.

Dopo lo “sbattimento” una tantum di dover inserire la nostra carta di credito su eBay, tutto sarà molto più liscio e lineare.

Questo è quindi quello che cambia per l’acquirentePoco o niente (ho fatto anche la rima).

Chi vende

La trama si infittisce per chi vende. Sembra di poco, ma già per quanto mi riguarda (venditore sporadico non professionale) le cose diventano molto più fastidiose.

Finora il funzionamento era questo: Una volta associato il nostro account PayPal ad eBay ricevevamo i soldi direttamente in quel conto che potevamo usare per acquistare qualsiasi cosa, su eBay e non.

Ad ogni vendita ci arrivava la bellissima notifica di PayPal (qui sotto le notifiche di quando ho provato a fare dropshipping, prendendomela in saccoccia!).

Dropshipping - Proviamolo!

Ora invece i soldi ci verranno accreditati direttamente in conto corrente, indipendentemente dal metodo di pagamento usato dall’acquirente.

E le tariffe, a loro modo di vedere, diventano più vantaggiose in quanto eliminano il costo di terze parti.

Sarà cosi? Vediamo il tutto nel dettaglio

Cosa cambia in dettaglio

Dicevamo, due cose cambiano. Il metodo di accredito e le tariffe. Partiamo dal primo

Il metodo di accredito

Prendendo il testo direttamente da eBay, a colpo d’occhio possiamo vedere come l’icona di PayPal sua finita in fondo a tutte.

Pagamenti Ottimizzati di eBay
Pagamenti Ottimizzati di eBay

Ma la cosa sconcertante si legge sotto alla titolo “Pagamenti in entrata ottimizzati”.

I pagamenti vengono elaborati entro 2 giorni lavorativi e poi sono disponibili in conto dopo altri 1-2 giorni lavorativi.

E sti cazzi, taci che sono ottimizzati!!!

Ora, con PayPal, che sia un normale lunedì di marzo, Natale o ferragosto, i soldi mi entrano istantanei in conto e da lì posso muoverli come voglio altrettanto in fretta (leggi qui come fare).

Con il nuovo metodo se faccio una vendita di martedì, rischio di vedere i soldi il lunedì successivo.

Non una buona cosa. Certo, alla lunga ci si abitua a tutto (anche perché non ci sono alternative) ma vendere come ottimizzata una procedura che passa dall’essere immediata al durare 3-4 giorni lavorativi mi sembra una presa per il culo.

PayPal tratteneva i soldi

Una delle migliorie che eBay dichiara di fare è anche l’eliminare la situazione nel quale PayPal decideva arbitrariamente di bloccare il conto o una parte di esso per svariate ragioni.

E’ successo anche a me dopo le prime vendite. La motivazione (che a dirla tutta era più che comprensibile) era stata che “non hai mai venduto nulla quindi ai nostri occhi sei inaffidabile. Se il cliente per qualsiasi motivo richiede il rimborso utilizzeremo i soldi nel tuo conto per effettuarlo. Siccome non vogliamo che lo svuoti e te ne vai, li congeliamo per due settimane”.

E dopo il tempo predefinito i soldi arrivavano in conto. Questo è durato 4-5 ordini e da allora non si è mai più ripetuto.

Mi fa ridere pensare che eBay non progetti una cosa del genere, dovendo adesso prendersi carico al 100% della soddisfazione degli acquirenti e degli eventuali rimborsi (cosa che prima era in capo a PayPal).

Sappiamo benissimo che ogni scusa è buona per far percepire il cambiamento come migliorativo, quindi prendiamo queste affermazioni per quello che sono, ovvero marketing!

A proposito, vi ricordo che


Scopri di più sull’investimento

Se muori dalla voglia di fugare i tuoi dubbi o condividere le tue scoperte puoi iscriverti alla Mastermind di Diventerò Milionario! Ancora pochi posti disponibili.


Finora abbiamo visto che questo cambiamento, per chi vende, non sarà ne indolore ne trasparente.

Le commissioni

Il cambiamento delle commissioni come sarà? Guardando l’immagine qui sotto, presa dalla pagina di eBay, possiamo farci un’idea.

Nuove commissioni eBay
Nuove commissioni eBay

Ad ora, le tariffe sono:

  • 10% del prezzo dell’oggetto (spedizione ESCLUSA) ad eBay per un massimo di 200€
  • 3,4% + 0.35 centesimi del prezzo totale (spedizione INCLUSA) a PayPal

Il fatto che eBay faccia pagare la tariffa solo sul prezzo dell’oggetto ha spinto qualche venditore (Fatta la legge trovato l’inganno) a fare delle offerte del genere

Spese di spedizione a 950€
Spese di spedizione a 950€

Per un oggetto del valore di 1000€ “caricano” 950€ sulla spedizione risparmiando 95€ di tariffa.

In fase di creazione di offerte simili, eBay ti avvisa che l’inserzione sembra strana e che i costi sono sbilanciati. Qualche utente riesce però ad aggirare questo blocco e di conseguenza con le nuove tariffe si taglia la testa al toro.

11.5% su tutto (fino a 2000€) + 0.35€.

Assisteremo quindi ad un aumento delle offerte “Spedizione Gratuita” che (voci dicono) vengano posizionate meglio nei risultati di ricerca da parte dell’algoritmo di eBay.

Le differenze come possiamo vedere qui sotto sono minime per i piccoli importi

Differenza tra le varie vecchie e nuove tariffe eBay
Differenza tra le varie vecchie e nuove tariffe eBay

Cambiano di brutto man mano che gli importi crescono.

Non saranno infatti contenti di saperlo i creatori dell’offerta qui sotto, che speravano di contare sul “La Commissione sul valore finale ha un tetto massimo di EUR 200 per singolo oggetto, indipendentemente dal prezzo a cui viene venduto”.

Box Pokemon a 89.900€
Box Pokemon a 89.900€

Loro passano dal guadagnare 86.643€ con le tariffe attuali a 79.561€ con le nuove tariffe eBay.

7082€ di differenza.

Piccola precisazione

Per dovere di cronaca le tariffe sono differenti per le inserzioni create nelle categorie Auto, moto e altri veicoli.

Le tariffe per le inserzioni create nelle categorie Auto, moto e altri veicoli.
Le tariffe per le inserzioni create nelle categorie Auto, moto e altri veicoli.

Questo articolo inoltre fa riferimento alle tariffe per i “venditori NON professionali” come sono io e come ritengo sia la maggior parte delle persone che legge questo articolo.

Nel caso voleste un approfondimento anche sulle tariffe per i venditori professionali, fatemelo sapere nei commenti.

Procediamo al cambio?

Procediamo alla registrazione

Alla luce di ciò, attenderò fino all’ultimo momento (30 aprile 2021) per passare al nuovo metodo.

E’ troppo comodo avere l’accredito immediato e soprattuto avere una disponibilità separata da quella del mio conto corrente e che si alimenta di volta in volta in base alle vendite.

Tornate su questo articolo fra un mese per vedere in dettagli tutti gli step da fare per registrarsi a questo nuovo metodo.

Cosa ne pensate?

Siete anche voi dei venditori occasionali su eBay? Eravate a conoscenza di questi cambiamenti? Fatemelo sapere qui sotto!

6 Comments

  • Massimo

    Ciao, ho un dubbio, siccome il denaro mi arriverà sul conto non immediatamente ma anche dopo 4/5 giorni, secondo ebay io potrò spedire comunque prima perchè loro mi daranno la conferma immediatamente dopo la vendita (è vero?) Ma poi sono sicuro che i soldi arriveranno o l’acquirente può revocare l’ordine in qualche modo o altro?

    • admin

      admin

      Ciao,
      su questo aspetto poco cambia da prima. Sei difatti tenuto a spedire l’ordine entro i tempi stabiliti, una volta che eBay ti conferma che il cliente ha pagato.

      Quando hai segnato l’ordine come spedito, per l’utente annullarlo non è più immediato. Deve fare richiesta e spetta a te venditore accettarla o meno.

      Ti posso dire per esperienza personale che non ho mai trovato un venditore su eBay che accettasse di annullare un mio ordine. E da venditore non ho mai ricevuto una richiesta di annullamento.

      Sommando le due affermazioni qui sopra, mi sento di dire che i soldi arriveranno!

      Poi non so se il tuo tasso di richieste di annullamento sia elevato, ovviamente la mia risposta si basa sulle mie esperienze personali!

      Questo ovviamente a marzo 2021. Magari andando avanti con il tempo eBay cambierà procedure, ma questo discorso lo potremo fare nei prossimi mesi/anni!

      Ciao!

      Giacomo

  • Antonio

    domanda, cosa succederà con quei venditori che a oggi accettano solo bonifici? saranno (spero) obbligati ad accettare anche i pagamenti con carta, visto che i soldi andranno comunque a finire sul loro conto corrente?

  • Antonio

    ho chiesto sulla pagina fb di eBay.it

    “i cambiamenti sui metodi di pagamento dal 30 aprile riguarderanno tutti i venditori, anche i non-professionisti, giusto? in tal caso, tutti i venditori dovranno collegare il proprio account eBay al proprio conto corrente, e non potranno sottrarsi alle richieste di pagare con carta di credito? (il riferimento è a quei venditori che attualmente accettano solo bonifici)”

    mi hanno risposto così

    ” ti confermo che quello che dici e perfettamente corretto, questi cambiamenti impatteranno tutti i venditori siano professionisti che privati Sostanzialmente con l’introduzione di queste novità l’intero flusso viene gestito direttamente su un unica piattaforma; Con questi cambiamenti sarà ancora possibile offrire agli acquirenti la possibilità di pagare attraverso diversi metodi, compresi carta di credito e PayPal eppure altri come Appel pay o Google Pay, ma dal momento che il pagamento viene processato direttamente tramite eBay, il versamento avviene sul conto bancario inserito dal venditore sull’account. Per maggiori informazioni, ti suggerisco anche visitare questa pagina https://bit.ly/3kLe2ER. ”

    quindi mi pare di capire che appunto dal 30 aprile tutti i pagamenti elettronici passeranno da eBay e non c’è più motivo che un venditore accetti solo bonifici

    • admin

      admin

      Ti ringrazio per aver condiviso il chiarimento! Lato venditore a questo punto la cosa sembra piuttosto chiara.

      Rimane da capire come dovranno comportarsi i compratori che vogliono pagare con bonifico. A che IBAN dovranno farlo? Il venditore pagherò le tariffe anche su quei pagamenti oppure risuteranno esenti?
      Perchè con il diffondersi dei bonifici istantanei gratuiti, potrebbe essere un buon modo per evadere quel tipo di commissione.

      Staremo a vedere!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per diversi scopi, tra cui raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito. Continuando ad utilizzare il sito si accettano le condizioni della privacy. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi