Non è più possibile creare nuove inserzioni

Ad un mese dall’addio di eBay a PayPal cosa è cambiato davvero?

Siamo al 26 maggio 2021 e ancora non ho aggiornato il metodo di pagamento. Dopo aver letto tutti i i commenti presenti su questo mio articolo e averci riflettuto, ho deciso di tenere la mia linea.

Ovvero non aggiorno fino a quando non potrò più farne a meno.

Cosa non si può più fare senza aggiornare

Ad ora le poche inserzioni che avevo lasciato per prova sono ancora attive e visibili. Tutte, ovviamente, create prima del 30 aprile.

Ho anche effettuato una vendita a metà maggio pagata su PayPal senza problemi e con spedizione generata sempre tramite eBay.

So già che è un gioco che non può durare, passo dopo passo le limitazioni aumenteranno sempre più.

Non è più possibile creare nuove inserzioni
Non è più possibile creare nuove inserzioni

Già da ora (come l’immagine qui sopra mi comunica) non posso più creare o modificare le inserzioni. Diciamo che è quasi un game over che diventerà tale quando renderanno invisibili le inserzioni dei “ribelli”.

Fino ad allora, come detto, tengo duro.

Cosa è cambiato per chi vende

Non posso darvi un aggiornamento in prima persona, ma utilizzando la marea di commenti che il precedente articolo ha scatenato, posso citarvene alcuni per farvi capire l’andazzo.

In settimana ho venduto qualcosina e devo dire che non visto assolutamente nessun miglioramento sulle tariffe anzi ho atteso anche 4 giorni per l’accredito sul conto se non altro per ripianare lo stesso con la morale che di fatto non ho visto un euro

Alberto

In tutto ciò hanno aggiunto limitazioni anche alle vendite di bottiglie di vino ai venditori non professionali

Roberto

In realtà per chi utilizzava forme di pagamento differenti da PayPal (quindi senza commissioni) l’incremento di tariffa è del 17,90%

Oggetto venduto per 10€ + 2,80€ spese di spedizione

Vecchio metodo:
pagamento con bonifico bancario (12,80€)
Commissioni eBay del 10% su 10€ quindi tolgo 1€
Ricavo 9€

Nuovo metodo
pagamento automatico totale di 12,80€
Commissioni eBay del 11,5% + 0,35 su 12,80€ = 1,82
Tolgo la spedizione di 2,80
Ricavo 8,10€

Paolo

Effettivamente quasi tutti facciamo riferimento al costo complessivo delle commissioni incluso PayPal.

La realtà è che molte persone (come Paolo qui sopra) preferivano altri metodi (bonifico, ricarica PostePay ecc.) che non esponevano il venditore ad altre tariffe oltre al classico 10% di eBay.

Una brutta sorpresa aggiuntiva

Oltre alle lamentele che purtroppo ci si poteva attendere, Stefania ci aggiorna su un cambiamento che è passato quasi inosservato ma che stravolge completamente il modo di operare.

Infatti ci dice che, a seguito di un annullamento dell’ordine

…come mai i fondi disponibili non corrispondono alla cifra del rimborso? E’ perché si trattengono i soldi della commissione di vendita. Chiedendo chiarimento l’assistenza mi risponde che “tecnicamente” la vendita è avvenuta.

Stefania

Stefania aveva dovuto rimborsare l’ordine di un cliente e si è resa conto, dopo aver atteso i giorni necessari per avere i soldi in conto, che eBay non restituisce più le commissioni fisse anche in caso di annullamento dell’ordine.

Lo possiamo trovare scritto a questa pagina dove possiamo leggere

Tariffe accreditate per rimborso o annullamento: Commissione sul valore finale (solo la parte variabile; l’importo fisso per ordine di EUR 0,35 non sarà accreditato)

eBay

Problema anche sulle spedizioni

Una raccomandata da 7€ alla quale bisogna aggiungere anche il costo della busta imbottita da 0,5€ ora prevede un ulteriore aggravio di spesa di 0,86€.
Aggravio che o dovrei caricarmi io come venditore o dovrei scaricare sull’acquirente che ovviamente non capirebbe questa discrepanza tra i 7€ previsti da Poste Italiane e gli 8,36€ che gli andrei a chiedere io

Simone

Anche questo è un punto assolutamente interessante da trattare. Non so quanti di voi abbiano mai venduto su eBay ma certi acquirenti si credono “i più furbi di tutti” e pur di spuntare uno sconto vanno a questionare su qualsiasi cosa.

Non parrebbe vero a loro di vedersi richiedere 8,36€ per una raccomandata da 7€. Non concepiscono la concezione di costi accessori, commissioni e tasse.

Se a me la raccomandata costa 7, non esiste che tu me la faccia pagare 8.36! (fa ridere ma purtroppo è la realtà)

Quali sono le alternative

Purtroppo il panorama manca di un vero e proprio antagonista di eBay pronto ad accogliere tutti gli utenti scontenti.

I consigli sono i classici Subito.it e i gruppi Facebook. Sinceramente li ho testati entrambi in questo esperimento e l’unica cosa che ho guadagnato è stata una gran rottura di scatole senza risultati.

Ciò non toglie che effettivamente potrei ripetere questo esperimento a 2 anni di distanza e vedere se ci sono stati dei miglioramenti.

Vinted

La new entry che è stata menzionata da svariate fonti e che mai mi sarei aspettato di citare qui è Vinted.

Tutti abbiamo visto la pubblicità e quindi vi starete chiedendo: “Ma io non devo mica vendere vestiti!”.

Che è un po’ la domanda che mi sono fatto anche io. Salvo poi andare a fare qualche ricerca e trovare ad esempio che per la parola Pokemon si trovano molti oggetti che con il vestiario nulla hanno a che vedere.

Sarà interessante capire se Vinted sfrutterà questo assist che il mercato gli ha servito su un piatto d’argento e virerà verso un bacino più ampio di utenti da servire.

Ne conoscete altri?

Nel caso ne conosceste altri fatemelo sapere nei commenti qui sotto!


Rimani aggiornato!

Nuovi articoli, episodi del podcast e webinar sono sempre in arrivo!


3 Comments

  • Valerio

    Quindi se ho capito bene, dopo un mese dall’ultimatum l’unico tuo cambiamento è che non puoi creare o modificare le insersioni?
    A me hanno dato come data il 2 luglio. Per cui volendo potrei inserire tutte le insersioni possibili prima di quella data e poi stare “fermo” per un po’ e fare anche io il ribelle…

    • admin

      admin

      Ciao, esatto. Non posso mettere in vendita o modificare le vecchie inserzioni (neanche il prezzo). Mi dice “La tua facoltà di mettere in vendita nuovi oggetti è stata sospesa, con effetto immediato. Per ricominciare a gestire le tue inserzioni, iscriviti subito ai Servizi di pagamento di eBay.”.

      Però ti confermo che le mie inserzioni sono ancora visibili e il pagamento avverrà tramite PayPal (anche perchè non hanno altro modo per accreditarlo).

      Quindi, per ora… Ribelliamoci!

    • JEAN

      Ciao, anche io come venditore non professionale ho degli aggiornamenti. Premetto che le inserzioni che ho attualmente attive risalgono al 31 di Maggio e ad oggi sono riuscito a vendere uno dei miei articoli usufruendo della PROMO sconto -40% su venduto (pagamento Paypal) e senza sottoscrivere il nuovo metodo di pagamento eBay. Antefatto: dalla settimana scorsa eBay mi inibisce la possibilita’ di modificare le mie inserzioni, ma senza cancellarmele anche se da due o tre giorni un loro messaggio dal fare minaccioso (impossibile non vederlo) mi dice che sono state cancellate. Come c’era da aspettarsi ho pagato doppia commissione, ad eBay e a Paypal entrambi sul totale venduto + costi di spedizione.

      Oggi 7 Giugno ricevo altro messaggio di eBay che mi intima di adeguarmi alle loro condizioni entro il termine del 2 di Luglio oltre il quale mi cancelleranno le inserizioni attive (tanto per non lesinare sui messaggi minacciosi). Ad ogni modo quest’ultima proroga del 2 Luglio mi fa pensare che stiano ancora valutando sul da farsi e chissa’ che non ritornino sui loro passi, non tanto su Paypal quanto su alcuni termini relativi alle modalita’ di pagamento.

      Io da meno di una settimana delle inserzione di oggetti usati su Vinted (la maggioranza degli utenti sono Francesi che manco a dirlo non ci vedono di buon occhio), ma al momento tutta fuffa.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per diversi scopi, tra cui raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito. Continuando ad utilizzare il sito si accettano le condizioni della privacy. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi