Dropshipping - Proviamolo!

Primo ordine – Vendere col dropshipping

Partiamo dal principio.

Come avrete capito leggendo i precedenti articoli o vedendo i video del canale o ascoltando gli episodi del podcast, ho realizzato una cosa.

Questo “ecosistema” di diventeromilionario che stiamo creando giorno dopo giorno non mi permetterà di raggiungere i risultati che mi sono prefissato nel breve termine.

In particolare sto parlando di raggiungere 10.000€ entro il 31/12/2020.

Quello che stiamo costruendo è bello e andrà lontano, ma inizierà a portare frutti fra molto tempo. Mentre attendiamo bisogna cercare rendite alternative per tagliare i traguardi intermedi.

Sto valutando le cose da fare

Tra tutte le cose che sto facendo e che sto progettando, una ha già iniziato a dare frutti.

Ieri, uscendo dalla doccia, ho notato il cellulare che si illuminava. Mi sono avvicinato e ho notato l’icona di PayPal nella notifica.

Molto bene, mi sono detto. Vediamo cosa ho venduto

Guardo e dico:” Ma che diavolo… Questo LEGO non lo ho“. Poi per fortuna mi sono subito ricordato di una cosa bellissima che avevo fatto nei giorni precedenti.

Avevo cercato nei siti che vendono LEGO se ci fossero offerte interessanti e a quelli che offrivano qualcosa di utile avevo inviato una mail chiedendo se potessi fare “dropshipping” ovvero se potevo comprare qualcosa mandandola ad un altro indirizzo senza che venisse inserita nessuna ricevuta riguardanti il costo d’acquisto.

Per spiegare questa affermazione andiamo a capire per bene cosa significa vendere con il dropshipping.

Vendere con il Dropshipping spiegato semplice

Aldo è un mio amico che ha un negozio e vende cuscini a 20€ + 5€ di spedizione. Tra i miei amici c’è anche Gino al quale piace comprare cuscini e al momento ne sta cercando uno.

Vado da Aldo e gli dico: “Caro Aldo, se ti pago i 25€ per il cuscino, puoi spedirlo ad un altro indirizzo?

Aldo vi risponde in maniera affermativa. Correte così da Gino e gli fate vedere un depliant di un cuscino che secondo voi lui adorerà.

Gino si dimostra interessato e vi chiede il costo. Voi dite 40€. Lui accetta e vi da i soldi in contanti dicendo di spedirglielo a casa.

Tornate da Aldo, comprate il cuscino e date come indirizzo di spedizione quello di Gino. Pagate con 25€.

Cos’è successo? Che avete appena guadagnato 15€ senza dover anticipare nessun importo.

Questo è il dropshipping e ovviamente questa è la visione ideale di tale metodologia di ecommerce.

Nella realtà è un carnaio di aziende che offrono il servizio e persone che lo sfruttano. In questo caso qualsiasi prodotto andiamo a drop-shippare avremo la certezza di avere molta concorrenza agguerrita.

Per questo secondo me (ed è infatti quello che ho fatto) il futuro è andare a chiedere singolarmente a negozi che vendono l’oggetto che desideriamo se possiamo usarli per vendere col dropshipping.

In questo caso i loro prodotti e i loro prezzi (teoricamente) sarebbero tutti per noi.

La mia vendita

Dicevamo, esco dalla doccia e vedo un pagamento PayPal di 145€. Capisco che il LEGO era quello in dropshipping e di conseguenza mi fiondo al computer per andare sul sito del mio fornitore, acquistare il prodotto normalmente impostando però un indirizzo di spedizione diverso.

L’ordine partirà lunedì per cui non ho ancora la certezza che andrà tutto secondo le aspettative del cliente ma lo credo e lo spero davvero.

Le belle notifiche di PayPal
Queste sono le due transazioni di vendita e acquisto.

Un bel guadagno… 19.01€!

Quindi Giacomo ha guadagnato 19.01€. Sbagliato! Rileggete attentamente questo post (i costi del vendere su eBay) e capirete come ci siano parecchi costi sommersi. Partiamo dal più subdolo, ovvero quello di PayPal.

Come vedrete dalla foto qui sotto, PayPal dice che mi ha accreditato 145€, ma in realtà quando vado a vedere la transazione noto che manca qualcosa… In particolare manca il 3.4% + 0.35€ di costi.

Accredito e addebito... il saldo sembra positivo!

Questo ci porta ad incassare 139.72€ invece di 145. A questo togliamo il canonico 10% di eBay (14.5€) e arriviamo ad aver guadagnato

139.72-14.5-125.99

Fatto il calcolo? Nel caso non vogliate prendere la calcolatrice vi dico io quanti soldi ha guadagnato Giacomo in questa transazione…

-0.77€ … Ci ho perso!

Già, proprio così. Stimando a spanne i costi sono riuscito ad andare in negativo.

Sono deluso?

Deluso no, mi sento un coglione si. Mettendo un paio di euro in più sarei andato quantomeno in pari, ma come prima vendita mi accontento di aver testato la fattibilità di questo tipo di sistema.

Non ero molto ottimista ma a questo punto mi devo ricredere, basta fare meglio i conti e possiamo iniziare ad avere qualche profitto.

Per poter trarre le conclusioni finali, però, attendo che il pacco arrivi a destinazione e che il cliente non si lamenti.

Manca altro che oltre ad averci perso il cliente voglia pure qualche tipo di rimborso per problemi con la spedizione o col prodotto!

Lascio quindi questo articolo in sospeso pronto per la parte due (mercoledì/giovedì dovrei già poterlo scrivere).

Se fate Dropshipping e avete esperienze o proposte a riguardo… Scrivete pure nei commenti o mandate una mail a info@diventeromilionario.it.

2 Comments

  • Michele Liziero

    Sei il mio eroe! Finora con il lego hai messo tanta esperienza e competenza, ma pochi guadagni. Forse potresti provare a vendere chessò in Lituania i vestiti di qualche nome italiano di moda…ho conosciuto una studentessa che sta frequentando un pezzo di laurea in Italia (master di management e ‘sti cazzi) che lo fa…Avanti tutta e in bocca al lupo!

    • admin

      Ciao Michele! In effetti per quanta esperienza possa avere una persona nei LEGO (che in fin dei conti sono una commodity) non può sperare di diventare ricco semplicemente con la compravendita (col dropshipping, poi…).
      Anche se, ti dirò, su ebay le cose vanno piuttosto bene. Il problema è che non ho più voglia di impegnare soldi per vedere i risultati fra uno o più anni. Quindi mi godo quello che riesco ad ottenere ora e poi chi vivrà vedrà.
      Vendere vestiti è tra le prime cose che avevo scartato per l’elevata probabilità di avere rogne con le taglie vestibilità ecc. Per non parlare del fatto che bisogna avere gusto e io non ne sono dotato.
      Ti confido che il libro “L’uomo più ricco di babilonia” mi ha dato un’idea che se riesco a semplificare a dovere mantenendola figa, ci porterà ad un altro livello!

      Working on it!

      Ciao ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per diversi scopi, tra cui raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito. Continuando ad utilizzare il sito si accettano le condizioni della privacy. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi