Keep Watching su Instagram

Keep watching

Capita a tutti… dopo qualche ora di lavoro molto produttiva seduti alla scrivania, le gambe e la vescica implorano pietà.

Scatta di conseguenza la pausa bagno.

Non appena chiusa la porta della toilette, estraiamo il cellulare più veloci dei cow boy nei film western.

Ovviamente io non faccio eccezione! La routine del bagno è: controllo dei guadagni AdSense e a seguire classico giro nella home di Instagram.

E là casca sempre l’asino, perché per quanto i contenuti tendano a ripetersi nel tempo, l’algoritmo riesce sempre a tirare fuori qualcosa che mi tiene incollato allo schermo (non si può non citare The Social Dilemma).

Ieri è cambiato qualcosa

Stavo guardando un video (così inutile che non ricordo nemmeno cosa fosse) e dopo un minuto si è fermato ed è apparso il bottone “Keep Watching“.

Fino a quel momento non ci avevo mai fatto caso, cliccavo e continuavo.

Ieri invece mi sono bloccato.

In un attimo mi sono chiesto

Ma cosa cazzo sto guardando?? Davvero voglio continuare a vedere questa spazzatura?

Ho chiuso tutto e sono tornato a lavorare.

Lo scopo del pulsante

Non penso proprio che lo scopo di quel bottone sia di allontanare gli utenti ponendo un freno alla riproduzione del contenuto, ma con me ha funzionato proprio così.

Solitamente, come consigliano tutti gli specialisti di marketing, allo scoccare del minuto bisogna mettere una scena che attiri l’attenzione di modo che l’utente sia portato a continuare la visione.

Evidentemente il video che stavo guardando (fortunatamente) non rispettava questa regola e mi ha permesso di destarmi dallo stato di torpore mentale nel quale ero caduto.

Sfruttiamolo a nostro favore

Da quel momento ho deciso che quando vedrò quel bottone, mi chiederò “è utile quello che sto guardando?” “Ha senso o sto solo perdendo tempo?”.

Non ho dubbi che prossimamente questo tasto scomparirà e con lui anche la nostra unica ancora di salvezza per evitare di buttare via ore.

Ringraziamo quindi per questo errore di programmazione (voluto o no) e cerchiamo di farne tesoro, chiedendoci più spesso se quello che stiamo facendo sia utile e abbia senso.

Ai tempi gloriosi di Facebook

Quando la app di Facebook era uscita da poco, mi ricordo un periodo del quale rido ancora.

Prendevo in mano il cellulare per guardare l’ora, aprivo Facebook, ci stavo 5-10 minuti e poi lo rimettevo via.

Un istante dopo mi dicevo: “Ma sei stronzo? Non hai neanche guardato l’ora!”.

Non so se sia normale e se capiti anche a te, però l’ho usato come campanello d’allarme e ho cercato di agire di conseguenza.

Proprio come cercherò di fare con i video di Instagram

Col milione cosa c’entra?

L’unica cosa più importante del denaro è il tempo. Quest’ultimo non torna più una volta sprecato e, soprattutto, non sappiamo quanto ce ne rimane.

Di conseguenza ogni cosa che consuma tempo senza dare in cambio qualcosa, è una minaccia della quale è giusto essere avvisati.

E’ chiaro che ognuno fa le sue scelte, ma il fatto di essere consapevoli di quello che stiamo facendo è una condizione fondamentale per evitare di cadere sempre più in giù nel baratro della dipendenza da social.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per diversi scopi, tra cui raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito. Continuando ad utilizzare il sito si accettano le condizioni della privacy. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi