Discesa nella tana del bianconiglio

Quanto profonda è la tana del Bianconiglio?

Titolo criptico per questo post, però credo renda bene l’idea del punto in cui mi trovo attualmente.

Da quando tutto è partito, ormai più di due anni fa (10 luglio 2017), è come se mi fossi sempre più addentrato nella tana del Bianconiglio.

Il raggiungimento di questo animale, va da se, corrisponderà all’aver riempito al 100% la barra di progresso verso il milione.

A questo punto, in cui la strada da fare è ancora molta, mi sento in dovere di puntualizzare alcune cose, affrontandole nello stesso ordine nel quale io mi ci sono imbattuto e che potremmo definire i vari passi all’interno della tana.

Non c’è nulla di facile!

Agli albori di tutto facevo conti mentali e creavo excel su excel per capire quanto avrei dovuto risparmiare mensilmente (o per quanto tempo) per arrivare ad avere abbastanza investimenti da poter vivere di rendita con i dividendi.

La risposta, che allora non volevo vedere, è:

Troppi soldi per troppo tempo.

Spannometricamente ora con 2500€ in portafoglio mi porto a casa 50€ di dividendi ANNUI. Considerando 2000€ MENSILI la cifra MINIMA per avere una sicurezza economica (24000€ annui), dovrei 500tuplicare il mio portafoglio ( 2500×500 = 1.250.000€) per arrivare a quella cifra.

E’ chiaro che: interessi composti… azioni e ETF che aumentano sempre nel lungo periodo… comprare durante la crisi… Tutto aiuta a raggiungere prima l’obiettivo, ma è tutto assolutamente aleatorio, quindi non controllabile, non prevedibile, e neanche certo.

Ma all’epoca andava bene così, per iniziare ad addentrarsi in questo labirinto era necessario essere ottimisti, ingenui e un po’ sprovveduti.

Riorganizzazione finanziaria

Ancor prima di iniziare a pensare a cosa come e quanto comprare, va fatta un’analisi dettagliata sulle proprie finanze e soprattutto su come si stanno spendendo.

Tutti consigliano di fare un budget mensile (o settimanale o annuale) al quale attenersi scrivendo precisamente qualsiasi entrata o uscita.

Io, il tenere sempre aggiornato un budget, l’ho sempre visto come una gran perdita di tempo.

Per il semplice fatto che essendo agli inizi bisogna certo cercare di migliorare la propria situazione, ma a piccoli passi.

Non si può fare da 0 a 100 in una notte o si rischia di bruciarsi

Ovviamente è un percorso personale, quindi ognuno la vede a modo suo, ma credo che questo consiglio darà sollievo e molti che volendo intraprendere questa strada si trovano subito a sentirsi in dovere di fare un budget e giustamente si scoglionano subito.

Senza budget sei nessuno? No, se non inizi o se ti fermi sei nessuno. O meglio, sei come tutti gli altri!

Un ottimo consiglio

Un ottimo consiglio che mi sento di dare è di porvi dei piccoli obiettivi, soprattutto agli inizi, ma di raggiungerli.

Questo è fondamentale perché raggiungere degli obiettivi, oltre che aiutare il nostro percorso fa rilasciare al nostro cervello dopamina (che ci farà sentire benissimo), della quale giorno dopo giorno diventeremo dipendenti. (Non è una cagata, fidatevi! Provateci e sappiatemi dire)

Proprio come i corridori non riescono a fare a meno della corsa perché dopo si sentono bene, per lo stesso principio, noi non riusciremo a fare a meno di raggiungere i nostri obiettivi.

IMPORTANTE: Qualsiasi obiettivo che vogliamo raggiungere DEVE ESSERE SCRITTO! Altrimenti è come se non ci prendessimo la responsabilità di doverlo raggiungere, e guarda caso, non lo raggiungeremo!

Quale obiettivo?

Questo dipende da voi! Potrebbe essere il raggiungimento di un certo ammontare di denaro in conto, ma anche migliorare un vostro lato del carattere o scrivere un libro (il mio lo trovate qui).

Mi ricordo che quando ho deciso di scriverlo mi sentivo sopraffatto dalla quantità di nozioni che avrei dovuto metterci dentro.
Dopo aver riferito i miei dubbi sul come iniziare a scrivere il libro a mia moglie, lei mi rispose con una frase semplice ma geniale:

Inizia dall’indice

Così feci e… boom, in qualche settimana il libro era pronto (a proposito, i guadagni sulle vendite del libro, da ottobre 2018 ad oggi ammontano a 17.04€).

Quindi:

  1. Iniziare piano
  2. Non pensare alla fine o alle difficoltà che si incontreranno
  3. Continuare con il proprio passo, lenti ma inesorabili
  4. Godersi il viaggio
  5. Concludere (non iniziare altro prima di aver concluso)
  6. Ripetere!

Proprio per la necessità di organizzare le cose da fare e tenere traccia dei miei obiettivi, ho iniziato questo blog.

Anche in questo caso, scrivo quando sono ispirato e ho tempo. Non mi sono imposto obblighi di articoli minimi al mese.


Complimenti!!! Leggendo l’articolo fin qui avete fatto un passo molto importante per prendere consapevolezza della vostra situazione (finanziaria e non).


Dopo questa introduzione, focalizziamoci su quello che ci interessa, ovvero la tana del bianconiglio finanziario!

Facciamo un altro piccolo passo scendendo nella tana del bianconiglio finanziario…

Tutto quello che sai sul denaro è falso? NO!!!

Tutto quello che sai sul denaro è vero ed è semplice

Più ne spendi, meno te ne rimane

Più ne hai bisogno, più troverai gente che a braccia aperte te ne offrirà. Ed è così che in questi ultimi mesi sento sempre più persone che aprono un fido bancario (per i profani come me: la possibilità, in conto corrente, di andare in rosso senza essere realmente in rosso, quindi facendosi prestare soldi dalla banca).

Quindi ridendo e scherzando, comprando e aperitivizzando, ci si trova ad avere un mutuo, un prestito, magari un finanziamento sulla macchina e anche il fido, per non farci mancare nulla.

Qui, più che addentrarsi nella tana del bianconiglio, ci si addentra in un pantano che ci inchioderà là fino alla pensione.

Contenti loro… Per fortuna noi vogliamo raggiungere il bianconiglio e non il pantano

Quindi, partendo dall’assioma più ne spendi e meno te ne rimane, possiamo arrivare a dire:

Meno ne spendi e più te ne rimane

Che, perfezionato ancora ci porta ad affermare

Meno ne spendi, più te ne rimane

Meglio lo investi, più ti rende

Quello che ti serve sapere sul denaro è tutto in queste poche righe.

Il resto sono solo seghe mentali per distrarti dalla realtà (e magari cercare di spillarti qualche soldo).

Come investire

Anche qui, poche informazioni ma semplici da digerire.

Come dice Warren Buffet (il miglior e più famoso investitore di sempre)

“The trick is not to pick the right company, the trick is to essentially buy all the big companies through the S&P 500 and to do it consistently.”

Quindi potremmo andare di

Vanguard S&P 500 UCITS ETF (ISIN IE00B3XXRP09) – [Paga dividendi trimestrali]

Oppure se volete diversificare, per quanto poco, consiglio i 3 ETF che ho in portafoglio.

Dove investire?

Io ho un portafoglio in Fineco, ma potete usare qualsiasi altra banca che vi permette di acquistare ETF. Qui troverete due guide sul come comprare ETF con Fineco e come utilizzare il piano di accumulo ETF, sempre con Fineco.

Arrivati a questo punto, se la lettura vi ha smosso dentro qualcosa e pensate di attuare le tecniche descritte, sappiate che state per entrare nell’elite del 2%, ovvero siete finanziariamente più colti e accorti del 98% del resto della popolazione. [Dati prodotti a spanne da Giacomo, che non si allontanano molto dalla realtà].

Solo fermandovi a questo punto del percorso potete stare certi che qualsiasi obiettivo vi porrete, seguendo queste poche linee guida, lo raggiungerete.

Certo con pazienza e applicandovi, ma cazzo se ce la farete!!

Se il vostro obiettivo è quello di investire, quello che avete letto poco sopra è il metodo migliore, più consigliato e meno rischioso per crearvi una rendita o quantomeno per far fruttare i vostri investimenti. (N.B. I soldi sono vostri quindi investite con la vostra testa!! Non voglio spingervi a fare nulla, quello che scrivo è quello che penso e faccio io!).

Se avete letto fin qui questo post… Vi do ufficialmente il

Benvenuti all’interno della tana!

Prossimamente ci spingeremo ancora oltre, per ora direi che abbiamo messo abbastanza carne sul fuoco!

Questi erano concetti a voi già noti o vi hanno stimolato una curiosità latente?

Iscriviti e ricevi il mio ebook sui finanziamenti auto!

 

Fatemelo sapere nei commenti!

N.B. Questo articolo non vuole incitare all’investimento nei titolo discussi. E soprattutto mi raccomando, investite (se volete farlo) solo quello che potete permettervi di perdere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *