Inflazione

Inflazione: cos’è, cause e conseguenze

L’inflazione consiste nell’aumento generalizzato dei prezzi e produce effetti diretti sull’economia reale in modo particolare sul potere d’acquisto dei consumatori, sui loro risparmi, suoi consumi e sul valore reale di una valuta.

L’aumento non deve colpire solo i prezzi di alcune tipologie di beni e servizi ma deve trattarsi di rincari, appunto, generalizzati.

In questo articolo cercheremo di capire come è possibile calcolarla e quali sono le conseguenze che produce.

Quanti tipo di inflazione esistono

Se è vero che l’inflazione coincide con l’aumento dei prezzi di beni e servizi è bene sottolineare che ne esistono diverse tipologie che variano in base al suo gradi di gravità:

  • l’inflazione crescente presenta solitamente valori abbastanza elevati ma non allarmanti;
  • l’inflazione galoppante è decisamente più preoccupante perché si assesta attorno al 10% e 20%. In casi del genere il potere d’acquisto si abbassa di molto e con esso anche il valore della valuta, provocando gravi danni sul sistema economico;
  • l’iperinflazione è invece la tipologia più grave con un tasso inflazionistico che supera il 50%. In momenti del genere i consumatori non si fidano più della loro moneta, riducono i consumi ed il sistema economico rischia il tracollo;
  • infine la stagflazione consiste in un innalzamento dei prezzi non bilanciato da una crescita di salari e stipendi.

Da cosa è causata

Ma cosa provoca l’inflazione?

A prescindere dalla tipologia, il fenomeno inflazionistico può essere causato da:

  • eccesso di domanda (in tal caso si parla di inflazione da domanda) che si verifica quando la produzione non riesce ad adeguarsi in tempo, generando un aumento dei prezzi;
  • innalzamento dei costi delle materie prime, che spinge le aziende a dover praticare prezzi più alti;
  • eccesso di moneta immessa dalle Banche centrali;
  • sfiducia nella moneta, da parte di consumatori ed investitori, che ne deprezza il valore reale;
  • una politica monetaria che tende a diminuire i tassi d’interesse.

In che modo è possibile calcolare l’inflazione

Ora che sappiamo cos’è l’inflazione e da cosa può essere causata, è lecito chiedersi in che modo sia possibile calcolarla.

Lo strumento più utilizzato è l’indice dei prezzi al consumo (IPC), che in Italia viene creato dall’ISTAT basandosi sul cosiddetto paniere di beni e servizi più acquistati dagli italiani.

Paniere ISTAT 2020 – fonte istat.it

L’IPC viene solitamente realizzato in tre differenti versioni, che sono in grado di fornire altrettante panoramiche differenti:

  • il NIC misura l’andamento dell’inflazione su scala nazionale
  • l’IPCA è in grado di confrontare il dato nazionale con quello degli altri Paesi europei;
  • il FOI misura l’indice dei prezzi al consumo per famiglie e dipendenti.

C’è poi anche l’indice dei prezzi alla produzione (IPP) che invece misura le variazioni avvenute sui prezzi di beni e servizi sostenuti dalle aziende per l’acquisizione delle materie prime.

Tali indici servono, appunto, per monitorare l’andamento dei prezzi al fine di misurare e monitorare l’andamento del tasso d’inflazione.

Gli effetti dell’inflazione 

Ok, ma quindi quali sono le conseguenze dell’inflazione? Produce effetti positivi o negativi all’interno dell’economia di un Paese?

Di fatto quando l’inflazione aumenta significa che in quel dato momento, in uno Stato, vige un periodo di forte incertezza riguardo al futuro e che il potere d’acquisto dei consumatori è nettamente in calo.

Ed ecco che in un contesto del genere si verificano cambiamenti su più fronti.

La categoria che risente maggiormente dell’inflazione è quella dei dipendenti che percepiscono salari e stipendi fissi i quali non aumentano, al contrario dei prezzi.

Ciò che ne deriva è una diminuzione dei salari reali e quindi del potere d’acquisto.

Cosa si intende per potere d’acquisto

Facciamo un attimo chiarezza sul concetto di potere d’acquisto.

Un dipendente con uno stipendio di 1200 euro, se aumentano i prezzi potrà acquistare un numero inferiore di beni e servizi rispetto a prima.

Ciò significa che quei 1200 euro hanno un potere d’acquisto inferiore (ovvero permettono di acquistare meno beni e servizi).

Anche i creditori risentono negativamente dell’inflazione

Ciò che accade ai consumatori si verifica anche nei confronti dei creditori che concedono prestiti.

Questi ultimi riceveranno un rimborso del prestito con un potere d’acquisto inferiore al momento in cui il debito è sorto.

…e sui risparmi

Durante un periodo in cui i prezzi aumentano le famiglie tendono a fare più acquisti proprio in previsione di ulteriori aumenti dei prezzi.

Questo, se da una parte aumenta i consumi, riduce l’offerta dei risparmi e la liquidità in possesso delle famiglie.

Anche in questo caso

Come detto in precedenza “La categoria che risente maggiormente dell’inflazione è quella dei dipendenti che percepiscono salari e stipendi fissi“.

Questo deve contribuire ad aumentare la convinzione che sebbene essere dipendenti abbia degli innegabili vantaggi (stipendio fisso, ferie e malattia pagata ecc), ha anche degli svantaggi importanti (stipendio fisso, orario fisso, colleghi ecc).

Ma come, Giacomo, mi metti l’orario fisso tra gli svantaggi?

Certo!! Il fatto di lavorare 8 ore al giorno è una visione imposta dall’alto e dai nostri pari (genitori parenti ecc) e come tale sta a noi decidere se accettarla o no.

Comunque, preciso che raramente l’abbandonare il canonico 9-17 risulta in un orario di lavoro più blando!

Anzi, quasi sicuramente le ore aumenteranno a dismisura (basta vedere gli orari nei quali pubblico i miei post). Il tutto però con in testa l’obiettivo di far aumentare il guadagno a dismisura.

E, soprattutto, sapere di essere liberi di scegliere dove come quando e quanto lavorare!

8 ore? Ti bastano 8 secondi per iscriverti!

 

2 Comments

    • admin

      Ciao! Sono riuscito a fare una figata, ovvero ho venduto Unilever da Degiro per comprarlo su Fineco. I giorni che sono passati tra la vendita e il riacquisto erano esattamente i giorni nei quali bisognava possedere l’azione per ricevere i dividendi. Quindi, in sostanza, non mi è arrivato nessun dividendo! In compenso ho imparato che devo ragionare prima di agire!

      Giacomo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per diversi scopi, tra cui raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito. Continuando ad utilizzare il sito si accettano le condizioni della privacy. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi