dividendi aristocratici

Cosa sono i Dividendi Aristocratici

Negli articoli precedenti abbiamo visto cosa sono l’indice S&P 500 e le blue chip stock.

Ricordo che l’indice Standard and Poor’s traccia l’andamento delle 500 migliori e più grosse compagnie quotate nel mercato americano mentre le Blue Chip Stock sono azioni di aziende con ottima reputazione e ottima storia di crescita (possono appartenere allo S&P500, ma non è requisito fondamentale. In realtà leggendo l’articolo capirete che non ci sono requisiti precisi).

In questo articolo andiamo ancora più nel dettaglio restringendo il campo delle azioni che possono interessare chiunque (me di sicuro) voglia investire in aziende il più affidabili possibili (per quanto, ricordo, l’affidabilità del 100% NON ESISTE) che stacchino dividendi periodici.

I Dividendi Aristocratici (Dividend Aristocrats)

I Dividend Aristocrats sono le aziende, appartenenti all’indice S&P 500, che negli ultimi 25 anni hanno sempre aumentato i dividendi (ogni singolo anno).

Ovviamente si parla di ALMENO 25 anni, quindi possono essere molti di più.

Questo sta a significare che queste aziende sono sopravvissute alle crisi più recenti riuscendo sempre e comunque ad aumentare la quota di dividendi pagata, quindi sono gestite davvero molto bene.

Queste aziende escono dalla lista se tagliano i dividendi o se escono dall’indice S&P 500.

Ricapitoliamo

Stiamo parlando di aziende che:

  1. Appartengono ad un indice che include le 500 aziende migliori e più grandi quotate negli Stati Uniti
  2. Hanno aumentato i loro dividendi negli ultimi 25 anni di fila
  3. Hanno una capitalizzazione di almeno 3 miliardi di dollari

E la Apple?

La cerchia di aziende che ne fanno parte è così selettiva ed elitaria che la Apple ancora non è in lista. Come si può leggere nella sua pagina dedicata agli investitori, hanno ripreso a pagare dividendi solo nel 2012.

Storia dei dividendi della Apple

In questo modo la Apple rimane ovviamente un futuro partecipante quasi sicuro, ma dovremo aspettare il 2037 per averne la certezza… Sticazzi!!

Qualche nome

Aziende famose e aziende meno famose appaiono in questa lista, tra le più conosciute ci sono:

  • 3M
  • AT&T
  • Coca Cola
  • Colgate Palmolive
  • Johnson & Johnson
  • Pepsi Co.
  • Procter & Gamble

Come investire in queste aziende?

Neanche a dirlo è pieno di ETF che raggruppano queste aziende (o una parte)

Qualche ETF che replica i Dividendi Aristocratici

Il problema è che i costi di gestione di questi ETF sono parecchio alti e soprattutto per quanto mi riguarda ho deciso che investirò in queste aziende di sicuro, ma lo farò comprando le singole azioni (ne ho parlato nell’episodio 97 del podcast).

Questo difatti è il secondo modo col quale si può investire nei “Dividendi Aristocratici”. Comprare le azioni che ci pare pescandole all’interno della lista.

Come le scelgo io

Come preannunciato qui la mia intenzione è quella di investire di modo tale da avere dei dividendi pagati mensilmente. Ad ora sto simpatizzando per jhonson and jhonson, exxon mobil, pepsico, procter & gamble, abbvie, caterpillar e chevron.

Devo ancora capire bene come procedere con l’incastro perché al momento ho dei mesi scoperti (gennaio, aprile, luglio e ottobre), ma riuscirò a trovare la soluzione. Se l’avete ovviamente aspetto il vostro consiglio con ansia!

I prezzi sono piuttosto alti, dai 60 ai 130€ per azione ma non è una cosa che mi spaventa. Sopra ai 150€ inizio a farmi qualche domanda, ma fino ad allora vado tranquillo.

La cosa più importante di tutte è scegliere settori diversi tra le varie aziende di modo da diversificare i settori. Cosa assolutamente fondamentale da tenere a mente sempre.

Cos’altro ci serve?

Null’altro. Se vogliamo investire in borsa per conto nostro e guadagnare grazie ai dividendi, questo è tutto quello che a mio modo di vedere ci serve sapere.

Il resto sono solo parole e opinioni campate per aria.

In questa lista troviamo fatti punto e basta. Non sono concetti che possono essere dibattuti, sono fatti che sono stati misurati e che ci vengono serviti su un piatto d’argento.

Le aziende sono nell’ S&P 500, hanno aumentato i dividendi per 25 anni e hanno una capitalizzazione di almeno 3 miliardi.

LEGGI QUI! Quello che mi fa incazzare

La cosa che mi fa davvero incazzare è che cercando informazioni riguardo ai Dividend Aristocrats mi sono imbattuto in un sacco di siti web che spiegavano cosa sono e poi iniziavano a proporre di investire in aziende che visto il trend degli ultimi anni erano ottime candidate per diventare “dividendi aristocratici”. Oppure che consigliavano aziende simili a quelle che sono nella lista ma che pagano dividendi più alti.

Ma porca troia, c’è la lista, sono aziende top, ma perché bisogna andare a parlare di aria fritta solo per cercare di fregare le persone? Che senso ha propormi l’acquisto di azioni che forse un giorno diventeranno “Dividendo Aristocratici”?

NESSUNO! O forse Tutto il senso del mondo!

Già, infatti investendo in questa lista lo scopo è ovviamente di comprare e non vendere mai (a meno di un’uscita dalla lista).

Mentre se iniziamo a comprare azioni perché tizio ce lo consiglia, facciamo presto a cadere in un vortice di trading dove i nostri guadagni sono nulli (se va bene) mentre chi ci ha attirato in questa spirale si sta arricchendo alle nostre spalle. Il mondo si muove grazie alle commissioni!

Conclusione

La lista l’avete. Le conoscenze le avete. Sapete cosa vuol dire se un’azienda è in lista oppure se non lo è (ricordate ad esempio che Apple entrerà in lista nel 2037, per farvi capire il livello di scrematura).

Io di sicuro utilizzerò questo paniere per scegliere le mie pedine, fregandomene dei consigli che ritengo insensati e infondati

Voi ovviamente non dovete fare come faccio io, ma fare sempre di testa vostra. Io espongo le mie riflessioni, le mie scoperte e quello che ho intenzione di fare con i miei soldi.

Voi con i vostri soldi dovete andare coi piedi di piombo e se possibile evitate anche di chinarvi per allacciarli, perché una volta che siete chinati è un attimo… Arriva il furbo di turno e sono cazzi!

E Voi?

Sapevate l’esistenza di questa lista e di queste aziende o lo avete scoperto ora? Avete azioni di queste aziende? Fatemelo sapere nei commenti!

Diventa un “Diventerò Milionario Aristocrat”

Iscriviti alla lista per non perderti nulla di quello che accade nel mio percorso verso il milione di Euro.

Ti piacerà anche

2 Comments

  • silvio

    Ciao Giacomo,
    complimenti per il bel lavoro ( di educazione finanziaria) che stai facendo.
    Anche io come te, diventero milionario, prima o poi….
    Mi interessava il tuo parere in merito all’acquisto diretto delle aziende aristocratic, perchè non è così economico come quello degli etf (ad esempio con Etf replay di Fineco). Sopratutto per chi fa poche operazioni, e di piccole cifre alla volta, il costo delle commissioni incide parecchio sulla performance finale;
    Chi usa fineco, infatti, sa che le commissioni per acquisto sono abbastanza alte, e per ottimizzarne l’incidenza ad operazione occorrerebbe fare acquisti “importanti” non possibil per tutte le tasche.
    Fammi sapere cosa ne pensi.
    Saluti
    Silvio

  • admin

    Ciao Silvio!
    TI ringrazio per il commento.
    Intanto ti do un piccolo consiglio, ovvero non dire “diventerò milionario, prima o poi…”, ma devi fissarti una data e convincerti che in quella data (o prima!) sarai milionario. Fidati che fa tutta la differenza del mondo!
    Per quanto riguarda la tua domanda, hai perfettamente ragione!
    Facendola breve, oltre al concentrarsi sui costi iniziali (che lo so, sono di 19€ per operazione non utilizzando ETF Replay) mi sono concentrato anche sul fatto che gli ETF hanno dei costi di gestione (minuscoli, del 0.1 e 0.22% quelli del mio portafoglio) che alla lunga si potrebbero far sentire (su 150.000€ sono 330€ all’anno) mentre le azioni no.
    Le compri e basta.
    Però le paghi molto all’inizio (Noto tra l’altro che nelle dichiarazioni dei costi di Fineco si dice: “Sui mercati azionari EquiductFrancia, Olanda e Portogallo e Euronext oltre alla commissione di negoziazione, è previsto il pagamento di 9€ di diritti fissi per ogni ordine eseguito”). Bisogna stare attenti anche a questo.

    Non so dirti se l’investimento in azioni sia la scelta migliore rispetto all’investimento in ETF con replay, posso solo garantirti che lo scopriremo assieme!
    I soldi che spendo in più di commissioni sono una specie di investimento in formazione, quindi non mi preoccupano più di tanto. E’ ovvio che se vedo che l’investimento mi viene a costare molto ogni mese, modificherò il mio piano di azione.
    Di sicuro il piano ETF Replay è molto invitante e ha dei costi molto bassi.
    Mi riservo di fare delle prove sulla mia pelle e fare un articolo a riguardo.
    Per ora ti ringrazio molto del commento che ha sollevato un dubbio che ancora non avevo avuto!
    E ripeto, non investite se non sapete cosa state facendo. Piuttosto mettete da parte e attendete!

    Buona giornata

    Giacomo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per diversi scopi, tra cui raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito. Continuando ad utilizzare il sito si accettano le condizioni della privacy. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi