Vanguard Lifestrategy, Valore agli investitori di Valore

Oggi parleremo dell’ETF Vanguard Lifestrategy, analizzando cos’è, quali problemi risolve e a chi si rivolge.

Come investitori quasi sicuramente ci siamo tutti trovati nei punti chiave della creazione di un portafoglio.

Dalla allocazione, alla gestione del profilo di rischio, alla diversificazione e ribilanciamento periodico… un lavoraccio!

Che spesso, tra l’altro, non facciamo nemmeno.

Altro aspetto che va considerato è la valuta a cui ci si espone maggiormente, a seconda dei paesi in cui si investe di più (solitamente il dollaro).

Tutto questo richiede due fattori fondamentali.

In primis il tempo, difatti per molti dopo la giornata di lavoro si predilige il riposo più che controllare il mercato azionario.

In secondo luogo, manca il tempo per informarsi e creare il proprio portafoglio di investimento nel miglior modo possibile.

Se ti dicessi che c’è uno strumento unico che può facilitare tutta questa procedura?

Qualcosa che semplifica in un solo colpo tutti i punti chiave che un investitore intelligente deve coprire.

Queste necessità sono state soddisfatte da Vanguard.

La ormai nota società di investimento nata 47 anni fa, ha lanciato 4 ETF (presenti anche nella borsa italiana).

Vanguard, come abbiamo già visto in questo articolo analizzando un suo titolo, si propone di aiutare gli investitori con investimenti semplici ma efficaci.

Ma in cosa consiste questo ETF?

Sono 4 ETF multi-asset Globali, creati come ETF di ETF (scopri cosa sono).

Rivoluzionano infatti l’idea maturata nel tempo per uno degli investimenti più conosciuti, facendo passare i semplici ETF in secondo piano.

Quali sono le caratteristiche principali di questi ETF?

Se più che strumenti finanziari ti sembrano scatole cinesi, tranquillo, te lo spiego più semplicemente.

Se un ETF è un paniere di azioni, i LifeStrategy ETF rappresentano un paniere di ETF, 14 per l’esattezza, sempre emessi da Vanguard.

Essi comprendono un totale di più di 8000 azioni ottenendo una grande diversificazione.

Gli ETF che compongono i Vanguard LifeStrategy
Gli ETF che compongono i LifeStrategy

Questa alta diversificazione fa sì che il rischio diminuisca, ma una eccessiva diversificazione può essere penalizzante.

Assenza pesante è anche l’oro, la riserva di valore per eccellenza infatti non è stata inserita nel portafoglio e questo ha destato scalpore.

Difatti è molto comune per gli investitori avere una parte del proprio capitale in quel bene.

Un fattore interessante di questi strumenti è il TER (Total Expense Ratio, ovvero i costi di gestione) pari a circa lo 0,25% annuo per ognuno dei 4 ETF.

Da un lato questo è un vantaggio soprattutto per le opzioni più “aggressive”, ovvero più esposte verso l’azionario, ma per i portafogli difensivi può diventare penalizzante.

Sarebbe più conveniente avere TER diversi a seconda dei piani? Forse sì, magari in futuro vedremo degli aggiornamenti.

Cosa cambia tra un ETF e l’altro?

La differenza tra questi ETF sta nel profilo di rischio che ci si vuole assumere come investitori.

Questo condiziona di conseguenza la percentuale di azioni di obbligazioni e infine i ritorni stimati annuali.

Le caratteristiche principali di ogni ETF di Vnaguard Life Strategy
Caratteristiche principali di ogni ETF

Questi ETF saranno sfruttabili di conseguenza da più tipologie di investitori a seconda degli obiettivi monetari ma soprattutto temporali.

Entrando nello specifico, troviamo che questi strumenti finanziari si distinguono, come detto prima, per la percentuale di titoli provenienti dal mercato azionario e percentuale di obbligazioni presenti nella allocazione.

I diversi profili di rischio

Il primo avrà una porzione azionaria pari al 20% e all’ 80% obbligazionaria e verrà chiamato Vanguard Lifestrategy 20% equity ucits etf, il secondo invece contiene il 40% azionario e 60% obbligazionario (lifestrategy 40 equity ucits etf).

Ora come sono composti gli ultimi due diventa abbastanza scontato! Difatti il terzo ha il 60% azionario e 40% obbligazionario (lifestrategy 60 equity ucits etf) e l’ultimo vedrà l’allocazione dell’80% in sole azioni (lifestrategy 80 equity ucits etf). 

Ovviamente, il primo rappresenta un profilo di rischio minore e per questo rivolto a investitori più cauti , e magari, alle prime armi in questo mondo.

Al contrario, l’ultimo ETF, quello con l’80% della sua esposizione verso il mercato azionario (chiamato lifestrategy 80), ha un profilo di rischio maggiore anche se smorzato dalla logica di questi “panieri”.

Valore aggiunto è inoltre la replica fisica e totale, per una maggiore trasparenza tra Vanguard e l’investitore stesso.

Altra cosa importante è l’alta diversificazione dei prodotti scelti per questi ETF insieme a una esposizione non solo in un’area ristretta del mondo, ma a livello globale.

Comprende infatti sia paesi già sviluppati che paesi emergenti, spinti quindi da una forte crescita economica e demografica. 

Nonostante questo, è possibile vedere che ognuna delle 4 opzioni è esposta per la maggior parte nel mercato degli Stati Uniti. 

Per noi investitori italiani, e più in generale europei, questo ci espone maggiormente al cambio EUR/USD, barcollante soprattutto in questo periodo bellico.

Quali piani prevede Vanguard?

Vanguard ha anche messo a disposizione due piani per ogni ETF, il primo prevede una variante ad accumulazione, quindi il vecchio e caro PAC che si può fare mensilmente, trimestralmente, annualmente e così via.

La seconda variante è a distribuzione, distribuisce i dividendi delle azioni sottostanti che vengono quindi dati a chi detiene quote dell’ETF.

Grazie a questo si sfrutta maggiormente l’interesse composto. (Ricordiamoci che questo implica il fatto che quando vengono distribuiti i dividendi sarà necessario pagare un’imposta).

Se vuoi saperne di più sulla differenza tra accumulazione e distribuzione, puoi leggere questo articolo.

Inoltre, nella descrizione degli ETF Vanguard specifica che il gestore avrà discrezionalità riguardo a ribilanciamento del portafoglio. Manterrà però invariate le porzioni che lo compongono.

La lista degli ETF Lifestrategy

Di seguito faccio la lista dei 4 ETF per tua comodità, sono tutti presenti sulla borsa di Milano.

Tipo di ETFAccumulazioneDistribuzione
Vanguard LifeStrategy 20%ISIN: IE00BMVB5K07 (VNGA20)ISIN: IE00BMVB5L14 (VNGD20)
Vanguard LifeStrategy 40%ISIN IE00BMVB5M21 (VNGA40)ISIN IE00BMVB5N38 (VNGD40)
Vanguard LifeStrategy 60%ISIN IE00BMVB5P51 (VNGA60)ISIN IE00BMVB5Q68 (VNGD60)
Vanguard LifeStrategy 80%ISIN IE00BMVB5R75 (VNGA80)ISIN IE00BMVB5S82 (VNGD80)

Il più famoso e ricercato è sicuramente l’ultimo, ovvero il lifestrategy 80 equity ucits etf. Difatti se avete già sentito parlare di questo strumento in precedenza, sono sicuro che sia stato in riferimento a quello più sbilanciato verso l’azionario che ci sia.

Vanguard Lifestrategy conviene?

Come molte volte in ambito economico la risposta predominante è: dipende dall’esperienza dell’investitore.

Ogni persona sa quanto sia soddisfacente avere il controllo dei propri investimenti. 

Mettere i propri soldi in società di cui si conosce il modello di business con uno storico definito è infatti la regola predominante nel mondo degli investimenti. 

Dall’altro lato si sanno anche le difficoltà del creare un portafoglio bilanciato da zero. Il rischio è sicuramente maggiore, ma avere il proprio portafoglio da una delle maggiori società di investimento dopo Blackrock dà maggiore sicurezza.

In ultimo, come già detto, questi strumenti hanno un TER (Total Expense Ratio) davvero molto basso a fronte del servizio che offre.

Rimani aggiornato (e ricevi gratis il mio ebook)!

Se vuoi rimanere aggiornato e ricevere gratuitamente il mio libro “Da Dipendente ad Imprenditore – Le 5+1 Regole Fondamentali” inserisci la tua mail qui sotto!


Disclaimer

Questo articolo ha solo scopo informativo e NON formativo. Gli argomenti trattati non devono intendersi come consigli finanziari che suggeriscono la vendita o l’acquisto dei titoli finanziari trattati.

Bisogna sempre ragionare con la propria testa e agire solo se si ha ben chiaro cosa stiamo facendo. In caso contrario, meglio rimanere fermi.

In ogni caso investi solo capitale che sei disposto a perdere, perché è quello che potrebbe succedere!

Ti è stato utile questo articolo?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *