Cosa significa investire e perché farlo

Si fa presto a parlare di investimenti, ma prima di tutto è fondamentale capire cosa significa investire.

Questo può far paura e sembrare complicato, ma la realtà è un’altra.

La pensiamo così perché non abbiamo conoscenze in questo settore e il poco che sappiamo probabilmente ce lo hanno tramandato i nostri genitori, che hanno vissuto in un’epoca totalmente diversa dalla nostra.

Adesso le cose sono cambiate e dobbiamo chiarirci le idee il prima possibile perché c’è in ballo il nostro futuro.

Investire, in parole povere, significa mettere al lavoro il proprio denaro per raggiungere un obiettivo finanziario in un orizzonte temporale solitamente lungo (oltre i 10 anni).

Il nostro obiettivo, ovviamente, è soggettivo. Può essere l’indipendenza economica, un’entrata aggiuntiva alla pensione o molto altro.

Banalmente anche il potersi permettere, con le rendite degli investimenti, una vacanza di lusso all’anno.

La bella notizia è che questa cosa è assolutamente possibile e in questo articolo andremo a capire perché bisogna farlo, dove farlo e come farlo.

Cosa significa investire

Investire significa utilizzare il nostro denaro per acquisire delle attività. La grande difficoltà è data dall’eliminare il piacere immediato che può darci un acquisto su Amazon a favore di una “soddisfazione differita”.

Per vedere i frutti dei nostri investimenti, a meno di rare eccezioni, dovremo difatti attendere molti anni.

Un esempio è il mio portafoglio, che sta crescendo molto piano ma sempre più velocemente man mano che passa il tempo.

Chiaramente per iniziare ad avere soddisfazioni saranno necessari decenni, ed è per questo che sto esplorando opportunità alternative per ottimizzare i miei investimenti e velocizzare la mia indipendenza finanziaria.

Come investire

Ogni investimento ha la sua modalità.

In questo sito abbiamo analizzato molte tipologie diverse:

atto sta che il 99.9% di quello che ci capiterà a tiro ha a che vedere con i soldi. Immobili, azioni, cripto, formazione… tutto si ottiene con i soldi.

L’altra risorsa finita che ci potremo trovare ad investire è il nostro tempo. Possiamo formare una persona per sostituirci o studiare un mese per imparare una nuova abilità.

Dove investire

In base al tipo di strumento nel quale vogliamo andare ad investire, dobbiamo trovare il posto più adatto.

Se stiamo parlando di azioni o obbligazioni, dobbiamo rivolgerci ad un broker (io consiglio Fineco, recensito qui), mentre se vogliamo investire in criptovalute dobbiamo cercare un exchange (Bitpanda è ottimo e ne parlo qui).

Ma il panorama è vastissimo e questi due che ho appena citato sono solo i più famosi.

Possiamo investire in immobili e rivolgerci a portali come immobiliare.it o a delle agenzie oppure investire in vino e vagare per le cantine del territorio in cerca di affari.

Il limite è la nostra immaginazione e più riusciamo ad innovare per portarci a casa delle attività, meglio sarà.

Percorrendo nuovi sentieri eviteremo anche il problema più grande degli investimenti che spesso può ridurre fino ad azzerare il nostro guadagno.

Sto parlando dei costi, che tratteremo nel prossimo capitolo.

Attività vs passività

Come insegna in maniera semplice ed efficace il libro Padre Ricco Padre Povero (recensito qui), le attività sono qualcosa che ti porta soldi nelle tasche.

Contrariamente una passività è qualcosa che ti fa uscire soldi dalle tasche.

La casa nella quale viviamo è, sorpresa sorpresa, una passività. Già, perché essa non ci fa guadagnare nulla.

Al contrario, periodicamente siamo costretti a pagarci delle tasse e a provvedere ai vari imprevisti.

Potremmo ribaltare la situazione affittando una stanza o l’intera proprietà quando andiamo in vacanza.

Purtroppo raramente, almeno in Italia, siamo disposti ad effettuare queste operazioni che grazie a siti come Airbnb stanno diventando sempre molto più semplici e tutelate.

Perché investire è importante e perché ora è il momento di farlo

Gli investimenti consentono di far crescere il proprio denaro senza dover lavorare.

Stiamo quindi disgiungendo il nostro tempo dal nostro guadagno.

In un lavoro dipendente so che 40 ore alla settimana mi valgono 1500€ al mese all’incirca.

Se dovessi passare ad un part time da 20 ore, questa cifra si ridurrebbe pesantemente.

Con un investimento in azioni, per citarne uno, riceverei i dividendi periodicamente che io lavori o sia in spiaggia.

E’ proprio questo che mi ha motivato ad iniziare questo percorso. Voglio che il denaro lavori per me di modo da poter essere completamente libero.

E quanto prima si inizia a investire, tanto meglio sarà. Perché? Perché prima si inizia, più a lungo il proprio denaro potrà crescere.

Ecco perché investire è importante e perché devi pensarci già da ora.

Se hai 20 anni ti sembrerà difficile fare delle scelte che ti daranno frutti fra 30 o 40 anni, ma è proprio quello che questo articolo vuole esortarti a fare.

Iniziare ora ad investire in azioni (ad esempio nell’ETF sull S&p500) con un orizzonte temporale di diversi decenni è l’unica strada certa per ottenere degli ottimi rendimenti a fronte di uno sforzo minimo.

Il mercato in crescita

Una precisazione dovuta

Di certo, negli investimenti, non c’è nulla. La cosa da capire è che noi siamo ricompensati in base al rischio che ci accolliamo.

Se non vogliamo correre nessun rischio, prepariamoci ad un rendimento nullo (come quello dei conti deposito che è inferiore all’1%).

Se non vogliamo correre rischi
prepariamoci a non avere rendimenti

L’ETF citato in precedenza, invece, traccia le 500 aziende americane più capitalizzate (approfondisco qui il tema).

Capiamo bene che la probabilità del fallimento di uno strumento del genere è davvero remota, ciononostante esiste.

Diffida sempre da qualcuno che ti vende qualcosa con una rendita certa e ricordati questa famosa frase

If you don’t know the source of yield, you’re the yield
Se non sai da dove proviene il rendimento, sei tu il rendimento.

Spiegato molto bene anche in questo video YouTube.

Torniamo a noi

Spero che quello che ti ho detto finora ti sia stato utile a capire cosa significa investire e perché devi iniziare il prima possibile.

Il futuro te vorrebbe che tu iniziassi ora, ne sono certo! Anzi, direi che l’attuale te vorrebbe che tu avessi iniziato 10 anni fa!

Costi associati all’investimento

Abbiamo visto che esistono tantissimi modi per investire il proprio denaro, ma è importante essere consapevoli anche dei costi associati.

Le commissioni d’investimento possono variare notevolmente e occorre capire quanto si paga per poterle inserire nella propria strategia d’investimento.

Dobbiamo sempre porci due domande, prima di mettere li i nostri soldi:

  1. Le commissioni sono ragionevoli?
  2. Le commissioni valgono il costo?

Se almeno una delle due risposte è no, fermati. Stai per farti del male! Bisogna rivedere la nostra strategia rivalutando la finestra di investimento o cambiando il fornitore (broker, exchange o altro).

Se non riusciamo ad andare in attivo in nessun modo, cambiamo piano senza rimpianti.

Tipi di investimento – Punto di partenza per i principianti

Le due tipologie di investimenti più famose e facili da mettere in pratica sin da subito sono:

  1. Azioni, etf o obbligazioni
  2. Criptovalute

Possiamo iniziare questi investimenti in brevissimo tempo, addirittura il giorno stesso dell’iscrizione alla piattaforma.

Ma non dobbiamo mai dimenticarci la cosa più importante!

Il tempo è il nostro migliore amico
Il tempo è il nostro migliore amico

La cosa più importante: non pensarci troppo e non smettere mai

Le frasi più famose di chi vorrebbe iniziare ad investire ma non inizia mai sono “il mercato è troppo alto” “il mercato è troppo basso” o “non ho abbastanza soldi”.

Leggendole probabilmente ti sarai ritrovato in almeno una di queste. Avrai anche capito che attendere le condizioni perfette per iniziare significa non iniziare mai.

E la cosa divertente è che i nostri soldi svaniscono in ogni caso, che li investiamo oppure no.

Difatti averli sul conto corrente è una tentazione troppo grande che finisce per farceli spendere tutti.

Invece, dopo aver riflettuto il giusto sull’investimento da fare, è ora di buttarsi. Magari partendo con piccole somme o con conti demo (Trading212 lo offre), ma bisogna attivarsi!

Una volta che siamo in moto, poi, non dobbiamo più fermarci. Se stiamo parlando di azioni e attiviamo un PAC (Piano di Accumulo Capitale, spiegato qui), dobbiamo essere costanti mese dopo mese anno dopo anno.

I risultati, come già detto, arriveranno tutti in un colpo e alla fine. Allora non ci pentiremo minimamemte della scelta fatta.

Investendo in questo modo, poi, approfitteremo del Dollar Cost Averaging (spiegato qui) e riusciremo a comprare i nostri strumenti finanziari al prezzo migliore possibile.

Il budget da investire

Infine, ma non per ordine di importanza, dovrai stabilire un budget.

Assicurati di essere realistico con le spese e con i risparmi che riuscirai ad ottenere e a dedicare all’investimento.

Piuttosto parti basso (50€ al mese) e cresci pian piano, di modo da motivarti col passare del tempo e nona vere battute d’arresto a causa di assenza di capitali.

Con il tempo, potrai sempre aumentare gli investimenti man mano che i risparmi e la tua esperienza crescono.

Come investire soldi per guadagnare senza rischiare?

Abbiamo detto che non esiste investimento senza rischi. Questo è vero per quelli classici, ma uno ci darà sempre dei rendimenti.

Investire su di noi è sempre la scelta migliore

Sto parlando dell’investimento su noi stessi, cosa che andrebbe fatta sempre e comunque. Apprendendo nuove abilità difatti possiamo sfruttare nuove occasioni o arrivare a nuove collaborazioni, che ci apriranno a dei guadagni sempre maggiori.

Con la differenza che tutto quello che impariamo non lo dimenticheremo mai. Mentre negli investimenti classici c’è sempre il rischio di perdere tutto.

Ovviamente questo investimento deve essere fatto con testa e può non portare a dei risultati, ma di certo farà di noi delle persone migliori.

Come investire senza pagare tasse

Gli investimenti classici sono soggetti a tassazione, in quanto stiamo parlando di capital gain, quindi di guadagno sul capitale.

Non pagare tasse sui nostri guadagni può portare a gravi conseguenze, ma questo di certo lo saprai già.

Quello che può sfuggire è come dichiarare i nostri guadagni in un settore che è ancora poco chiaro e poco regolamentato.

Sto parlando del mondo delle criptovalute, ma tranquillo! In questo articolo parlo del perché dichiarare le crypto sia più semplice del previsto e soprattutto perché ha assolutamente senso farlo.

Come investire senza commissioni

Quello che fino a qualche anno fa era solo fantascienza, al giorno d’oggi è realtà. Sto parlando di effettuare investimenti senza pagare nessuna commissione.

Una delle piattaforme più interessanti al momento è Scalable Capitale, che offre investimenti in azioni, etf e crypto senza commissioni su moltissimi titoli.

In aggiunta ti da un’azione gratuita all’iscrizione, non cambia la vita ma fa sempre piacere!

Dove investire oggi piccole somme

Iniziare ad investire con piccole somme è la strada migliore per imparare l’arte e migliorare giorno dopo giorno.

Devi solo scegliere delle piattaforme che offrano commissioni bassissime e siano affidabili.

Per le azioni e gli ETF il mio suggerimento è Trading212, mentre per le crypto Bitpanda.

Trading212 ha il bellissimo vantaggio di fornire un conto di prova, che ci permetterà di investire con soldi finti e potremo entrare nell’ottica giusta.

Il tutto senza rischiare un euro.

Dove è più conveniente investire oggi?

L’investimento migliore, sempre e comunque, è quello in un indice a basso costo. Il Vanguard S&p 500, già trattato in precedenza, è sicuramente uno dei top.

Warren Buffet consiglia l'investimento nel S&P500
Warren Buffet e le sue idee sul S&P500

“Buttando” periodicamente fondi in quell’ETF, ci garantiamo una rendita ottimale nel lunghissimo periodo (decenni).

Ripeto, in ogni caso, che non esiste l’investimento perfetto e senza rischi. Ho già sottolineato questa cosa in precedenza ma è giusto ripeterlo.

Quello che dico è solamente la mia idea frutto della mia esperienza. Prima di investire informati e se sei incerto fatti consigliare da qualcuno di abilitato, come un consulente finanziario indipendente.

Come e dove investire 100.000 euro

Uno dei miei obiettivi primari è raggiungere i 100.000€ di guadagni e sto già preparando una strategia una volta che avrò quei soldi in conto.

Ho ipotizzato tre scenari in questo articolo, per capire quale atteggiamento mi convenga tenere (se conservativo o aggressivo).

Concludendo

Spero che questo articolo ti sia stato utile per capire le basi dell’investimento e soprattutto perché bisogna iniziare quanto prima.

Se lo hai qualche dubbio ulteriore puoi scrivermi nei commenti o via mail a info@diventeromilionario.it

Rimani aggiornato (e ricevi gratis il mio ebook)!

Se vuoi rimanere aggiornato e ricevere gratuitamente il mio libro “Da Dipendente ad Imprenditore – Le 5+1 Regole Fondamentali” inserisci la tua mail qui sotto!


Disclaimer

Questo articolo ha solo scopo informativo e NON formativo. Gli argomenti trattati non devono intendersi come consigli finanziari che suggeriscono la vendita o l’acquisto dei titoli finanziari trattati.

Bisogna sempre ragionare con la propria testa e agire solo se si ha ben chiaro cosa stiamo facendo. In caso contrario, meglio rimanere fermi.

In ogni caso investi solo capitale che sei disposto a perdere, perché è quello che potrebbe succedere!

Ti è stato utile questo articolo?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *