recensioni

Il migliore POS senza commissione

Se sei stufo di inventare scuse per non far pagare i tuoi clienti con il POS per paura delle commissioni, sei nel posto giusto!

Dopo aver assistito all’ennesima discussione riguardo al fatto che accettare pagamenti elettronici costi troppo, ho deciso di mettermi alla ricerca del migliore POS senza commissioni e recensirlo in questo articolo.

Difatti, il più grande difetto di questi dispositivi è che avevano un costo effettivamente esorbitante di gestione (canone annuo + canone per transazione + percentuale sulla transazione).

Questo però avveniva decenni fa e ora le cose sono cambiate in maniera radicale. A parte che è illegale rifiutarsi di accettare quel tipo di pagamenti, riuscire a dotarsi di un pos mobile senza commissioni è questione di pochi minuti di navigazione in internet.

Questo articolo è tutto quello che ti servirà per prendere una decisione consapevole e smettere di rientrare in una di queste due categorie:

  1. Pagare un canone esorbitante per il POS che stai usando
  2. Inventarti scuse per non far pagare i clienti rischiando discussioni o multe inutili.

Bisogna farlo, quindi facciamolo quanto prima e in poco tempo.

Al giorno d’oggi infatti si può ordinare come un qualsiasi altro oggetto e arriva a casa nostra già configurato e pronto per accettare pagamenti con zero commissioni.

Prima di iniziare mettiamo un po’ di dettagli in chiaro.

Cos’è un POS mobile?

Il pos senza commissioni di AXERVE

Il POS mobile è un dispositivo che permette di gestire pagamenti elettronici tramite rete cellulare, senza bisogno di essere attaccato alla linea telefonica.

Quello che andremo ad analizzare arriva con la scheda SIM inclusa e senza alcun canone da pagare, quindi anche questo costo è coperto.

In questo modo eliminiamo anche il problema di dover attivare una linea telefonica dedicata che spesso da problemi in fase di pagamento.

Lo dovremmo solo estrarre ed iniziare a rispondere “Sì” quando ci chiederanno “Accetti la carta, vero?”.

Lo possiamo portare con noi ovunque, anche per le visite a domicilio o quando lavoriamo in trasferta.

Chiaramente accetta tutte le carte sia in versione fisica che digitale, grazie alla tecnologia NFC.

Oltre connessione cellulare data dalla sim inclusa, potremo collegarci anche alle rete wireless eventulmente presente in negozio o in ufficio, così da prevenire problemi di connessione.

Difatti per quanto l’Italia sia sempre meglio collegata, a volte le sim dati hanno questo difetto e non funzionano in certe zone.

In ogni caso, per concludere, la sim dati inclusa si collegherà al miglior operatore disponibile in zona, limitando al massimo i disagi.

Ora che abbiamo visto cosa riceveremo, procediamo nel capire quali sono i costi di gestione reali di questo apparato.

Quanto costa realmente questo POS mobile

Il fatto che questo POS mobile non abbia commissioni non significa, chiaramente, che sia gratis.

Difatti dovremo pagare un canone fisso in base al fatturato. Ma come andremo a vedere a breve, le condizioni sono davvero molto interessanti.

In realtà, per approfondire ulteriormente il concetto, devo parlare dei due abbonamenti che Axerve offre per i suoi POS (e dopo vedremo quale dei due ti conviene di più).

Il primo è a canone mensile fisso, senza commissioni sulle transazioni.

Il secondo invece è senza canone mensile, ma ha un costo percentuale sulle transazioni e un costo d’acquisto del POS mobile.

Smart POS Easy senza commissioni

Ecco il motivo per il quale sei giunto a questo articolo e lo stai leggendo avidamente. Come puoi vedere qui sotto, difatti, il costo del POS senza commissioni è di 17€ + IVA (per incassi fino a 10.000€ all’anno) e di 22€ da ivare (per incassi fino a 30.000 euro annui)

pos portatile easy a canone fisso senza sorprese. Ottimo per i pagamenti a distanza

Andando oltre, pagheremo l’1% lordi per gli importi eccedenti i 30.000€.

Il dispositivo POS mobile è in comodato d’uso senza canone (è incluso con l’abbonamento).

Potremo recedere dal contratto in qualsiasi momento senza dover pagare alcuna penale e senza dover dare spiegazioni.

Ovviamente dovremo restituire il pos portatile.

Smart POS Easy senza canone

Questo piano ci permette di non avere costi fissi mensili e di conseguenza diventa molto flessibile.

Andremo a pagare l’1.4% a transazione e basta. Oltre al costo dell’apparato che sarebbe di 170€ ma fino al 9 settembre 2022 è in promozione a 50€ da ivare (e con un’imposta di bollo di 16€ da pagare per l’attivazione).

Il POS senza canone portatile di Axerve Easy
Le commissioni annullano il canone mensile

All’interno del costo del dispositivo, avremo una garanzia di 12 mesi sul POS portatile e di 36 mesi sugli aggiornamenti normativi vari e sulla sim.

Anche qui non ci sono penali nella recessione, ma il dispositivo potremo tenercelo in quanto l’abbiamo acquistato.

Quale dei due piani conviene?

Ora che abbiamo visto le due alternative, andiamo a fare delle riflessioni. I numeri sono belli perché parlano chiaro e sono incontrovertibili, quindi con due semplici calcoli capiremo quando conviene una soluzione e quando l’altra.

Non tengo in considerazione l’imposta di bollo di 16€ in quanto è presente in entrambi i piani e non fa alcuna differenza in questa riflessione.

Ricordo che il piano senza canone mensile ha un costo fisso di acquisto del dispositivo di 50€ lordi (61€).

Alla lunga lo ammortizzo, ma in questa tabella lo vado a considerare.

Transazioni annualiSenza canone mensileCon canone mensile
5.000€61€ + 70€ = 131€248,88€
10.000€61€ + 140€ = 201€248,88€
15.000€61€ + 210€ = 271€322,08€
25.000€61€ + 350€ = 411€322,08€
40.000€61€ + 560€ = 621€322,08€ + 122€ = 444,08€
60.000€61€ + 840€ = 901€322,08 + 366€ = 688€
Tabella di paragone delle commissioni

Nell’ultima cella del canone mensile ho aggiunto 122€ di commissioni sui 10.000€ che eccedono i 30.000 euro.

Il pareggio lo abbiamo a 19.000€ di transazioni annuali, sempre considerando che il costo dell’apparato lo sostengo solo una volta (ma facciamo a pari col fatto che adesso è scontato).

Possiamo vedere come il pos mobile senza canone conviene fino a quando si ricevono pagamenti per un totale relativamente basso.

Dai 20.000€ in su non c’è mai paragone tra le due offerte, vince a mani basse la tariffa ad abbonamento.

Chiaramente il pos senza canone può tornare utile se effettuo pochi e piccoli pagamenti all’anno e quelle poche volte voglio essere pronto ad accettare pagamenti elettronici, senza il patema dei costi fissi.

Quale POS mobile riceverò?

Il pos portatile che riceveremo, indipendentemente se sarà la versione pos senza canone o con canone, sarà l’Android A910, del quale puoi vedere le specifiche qui sotto (prese direttamente dal sito di Axerve)

L'offerta pos senza canone di axerve easy ci offre questo pos mobile con ottime caratteristiche.
Le caratteristiche del pos mobile

Possiamo strisciare la carta sul lettore di carte, inserirla o appoggiarla sopra per ricevere il pagamento, e potremo anche stampare lo scontrino.

Ovviamente accetta le principali carte di pagamento senza problemi.

Fa esattamente quello che serve con un’interfaccia grafica bella ed intuitiva.

Quale conto corrente utilizza per l’accredito?

In fase di registrazione ci verrà chiesto l’IBAN di un conto corrente sul quale effettuare i depositi di pagamenti elettronici che riceviamo.

Di conseguenza, come già detto, il POS che riceveremo sarà già impostato e pronto all’uso.

Quando riceverò i soldi del pagamento in conto corrente?

I soldi ricevuti dai pagamenti con carte sul pos mobile arriveranno in conto corrente due giorni lavorativi dopo la transazione.

Quindi è davvero senza canone mensile?

Come abbiamo visto, questo pos può essere acquistato con due metodologie. Una è assolutamente senza canone mensile, a fronte di una commissione per transazione dell’1%.

POS e pagamenti elettronici – il credito d’imposta al 30%

La cosa molto bella è che si può beneficiare del bonus pos per la propria attività.

Quindi, oltre ad essere tra i migliori POS in circolazione al momento, ci permette anche di risparmiare.

Andiamo a vedere come (trovi tutti i dettagli a questa pagina).

Dal 1 luglio 2020 (rinnovato il 1 luglio 2022), è stato introdotto un credito di imposta del 30% sulle commissioni pagate dall’esercente.

Con il tempo poi credito di imposta sulle commissioni del POS è stato variato e poteva arrivare fino al 100%.

Chi può beneficiare del bonus pos?

Ne possono beneficiare tutti gli esercenti con un fatturato non superiore a 400.000 € nell’anno d’imposta precedente a quello di riferimento, a prescindere dal regime di contabilità adottato e dalla tipologia giuridica scelta per l’esercizio dell’attività commerciale.

Come avere il POS gratuito?

Il POS è in comodato d’uso gratuito se sottoscriviamo il piano ad abbonamento con canone mensile. In alternativa ha un costo di 170€ + IVA (ma si può trovare spesso in offerta a 50€).

Come attivare un POS mobile?

Il POS mobile di Axerve easy arriva già attivato e pronto all’uso, senza nessun problema di sorta. Di conseguenza non dovremo preoccuparci di impostarlo, inserire complicate configurazioni o altro.

Sfatiamo alcuni miti sui costi di mantenimento di un POS

Le chiacchiere lasciano il tempo che trovano, ma è giusto andare a stroncare sul nascere eventuali polemiche riguardo al fatto che le transazioni elettroniche non siano senza costi.

Come abbiamo già visto, ci sono molte possibilità tra le quali scegliere, ma andiamo a rispondere ale domande più comuni che siamo soliti sentire.

Quanto si paga di commissione con il POS?

I pagamenti tramite POS sono senza commissioni se sottoscriviamo un abbonamento mensile ad un costo davvero vantaggioso per il servizio che offre.

Io, per dire, spendo 5 volte tanto a singolo servizio per la ricerca di parole chiave da utilizzare o per migliorare la velocità di questo blog.

Quindi 17 euro o 22 euro sono una cifra davvero ragionevole.

Quanto costa mantenere un POS?

La manutenzione del POS portatile è assente ed è coperto dalla garanzia per i primi 12 mesi del suo utilizzo.

Quanto costa avere il POS in negozio?

Come abbiamo visto, avere un POS in negozio o in studio ormai ha dei costi minimi. Ovviamente ci sono delle commissioni da pagare, che col contante eviteremmo.

Ma data l’obbligatorietà di questa scelta, tanto vale optare per la soluzione migliore e più flessibile al momento disponibile.

Prima o poi ognuno dovrà avere nella propria attività un terminale di pagamento POS che accetti carte di pagamento, quindi tanto vale attivarsi ora e mettersi in regola (o cambiare se stiamo pagando troppe commissioni).

Una cassaforte in negozio o in studio?

Ricevere pagamenti elettronici ed avere un POS mobile senza commissioni è senz’altro bello e ci libera di parecchi pensieri.

Però il contante non è ancora svanito (per fortuna). Rimane quindi una fetta di persone che pagherà in contanti il tuo prodotto o servizio e tu… intascherai i soldi!

Questo però ci porta a due grandi problematiche che ho riscontrato in prima persona:

  1. Si perde completamente la gestione delle proprie finanze. Lo ho in portafoglio… Vabbè, lo spendo dai!
  2. C’è il rischio di subire furti

Quindi il contante è bello, ma averne troppo addosso diventa un bel problema.

Axerve offre un servizio chiamato CASHIN che ci fornisce una cassaforte da piazzare dove preferiamo.

Possiamo inserire tutte le banconote che riceviamo e, cosa bellissima, vedremo l’accredito in tempo reale sul nostro conto corrente (se abbiamo un conto Banca Sella).

Se il nostro conto è altrove, avremo i soldi entro il secondo giorno lavorativo successivo al deposito.

Una volta piena, in autonomia avviserà il personale che si occuperà del ritiro dl contante accumulato nel tempo.

Quanto costa il servizio di cassaforte?

Ci sono tre tipologie di casseforti possibili. La più piccola contiene fino a 1200 banconote e ha un canone mensile di 190€ + iva.

Bisogna inoltre aggiungere il costo di installazione (una tantum) e un costo periodico per lo svuotamento.

Sicuramente non è un servizio pensato per i liberi professionisti o piccoli imprenditori, ma sapere che questa cosa esiste è di sicuro molto interessante.

Io penso difatti che più conoscenze si hanno, meglio è.

Magari non ci serviranno mai in prima persona, ma in futuro potremo dare il consiglio giusto a qualcuno, quindi mi piace introdurre determinati argomenti anche se esulano dall’argomento principale di questo articolo.

Concludendo

Ora che hai letto questo articolo sono sicuro che ti sarai fatto un’idea precisa dell’offerta a te più congeniale, e magari non è quella che pensavi ti servisse!

Però numeri alla mano hai capito cosa andare ad acquistare (trovi qui il sito dove richiedere il pos)

Per le piccole imprese avere un mobile pos con lettore di carte che sia flessibile come questo, è assolutamente un must.

Possiamo inoltre associarlo a qualsiasi conto corrente e la sim si collegherà all’operatore con più copertura, quindi possiamo anche usarlo in mobilità senza troppi problemi.

Fammi sapere la tua

Fammi sapere la tua opinione riguardo ai migliori pos in circolazione e se ne conosci qualcuno che accetti carte di pagamento con commissioni inferiori a queste.

Scrivimelo nei commenti o via mail a info@diventeromilionario.it.

Rimani aggiornato (e ricevi gratis il mio ebook)!

Se vuoi rimanere aggiornato e ricevere gratuitamente il mio libro “Da Dipendente ad Imprenditore – Le 5+1 Regole Fondamentali” inserisci la tua mail qui sotto!


Disclaimer

Questo articolo ha solo scopo informativo e NON formativo. Gli argomenti trattati non devono intendersi come consigli finanziari che suggeriscono la vendita o l’acquisto dei titoli finanziari trattati.

Bisogna sempre ragionare con la propria testa e agire solo se si ha ben chiaro cosa stiamo facendo. In caso contrario, meglio rimanere fermi.

In ogni caso investi solo capitale che sei disposto a perdere, perché è quello che potrebbe succedere!

Sezione FAQ

Quanto costa il pos mobile?

Il POS mobile è in comodato d’uso gratuito con l’abbonamento, mentre deve essere acquistato in caso di offerta a commissione. Il costo è di 170€ + IVA, ma spesso è offerta una promozione a 50€ + IVA.

Quali sono le commissioni?

Il piano senza canone offre una commissione fissa dell’1.4%, mentre quello con canone ha le commissioni incluse (17€ + IVA al mese fino a 10.000€ e 22 + IVA fino a 30.000€). Oltre quella soglia pagherò 1% + IVA di commissioni.

Quando riceverò i soldi?

L’accredito avviene su qualsiasi conto corrente da noi specificato entro due giorni lavorativi.

Ti è stato utile questo articolo?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.