Azioni,  ETF,  Il mio percorso,  Investimento

Come investire 100.000€? Quanto rende il portafoglio? Ecco 3 esempi

E’ il mio prossimo obiettivo (vedi timeline qui), ma per iniziare a guardare avanti cerchiamo di capire come investire 100.000€.

Soprattutto andiamo a vedere qual è la rendita annuale a livello di dividendi.

Indice

Premessa

Non sono un consulente finanziario, quindi quello che vado a dire in questo articolo non deve essere inteso come un incitamento all’acquisto o alla vendita dei titolo finanziari indicati.

E’ solo la mia visione del mondo degli investimenti secondo la mia esperienza e la mia propensione al rischio.

Fai le tue ricerche e se non sei certo di come agire… non agire!

La mia visione dell’investimento

Non sono un trader e non ho intenzione di comprare e vendere i titoli che acquisto alle prime voci che fanno crollare il suo valore. Anche perché tra commissioni e tassazione, ogni movimento è un salasso.

Quindi tratterò solamente la composizione di un portafoglio tramite il buy&hold, ovvero l’acquisto per non vendere mai.

Come investire 100.000€ – Ecco 3 modi diversi

A me non piace andare ad investire a leva, in CFD, opzioni o altri strumenti finanziari simili. Quello che ho in portafoglio deve essere chiaro e subito intuibile.

Ho 10 azioni di Apple? Ok, se il titolo sale sono contento, se va a zero ho perso tutto. Semplice.

Andando invece a shortare (descrizione qui) o ad investire in leva i risultati dei movimenti del mercato non sono mai chiari.

Almeno, a uno come me, che non ha ancora approfondito il funzionamento di questi strumenti (e forse non vorrà mai farlo).

Ad ora voglio poter mettere tutti i miei guadagni in qualcosa che capisco e che mi da abbastanza fiducia.

Quindi vado ad investire solamente nelle cose basiche (azione ed etf) che danno dividendi.

Ciò non toglie che nella costruzione di questo portafoglio, per quanto semplice, ci debbano essere molte riflessioni da fare.

In questo articolo andiamo a vedere come investire 100.000€ in tre tipologie diverse di portafoglio (basso rischio e rendimento, medio rischio e rendimento e alto rischio e rendimento).

Portafoglio 1 – Basso rischio e basso rendimento

C’è poco da fare, se vogliamo abbattere il rischio e diversificare senza troppi grattacapi dobbiamo rivolgerci agli ETF (leggi qui se non sai cosa sono).

Chiaramente ne esistono di tutti i tipi, ma quello che vogliamo noi è qualcosa che prenda in considerazione tutte le possibili variazioni mondiali.

Se un’economia crolla, una o più saranno floride. Alla fine il denaro da qualche parte deve andare!

L’ETF che comporrà il 100% di questo portafoglio è il “Vanguard FTSE All-World UCITS ETF Distributing” (ISIN IE00B3RBWM25), con TER (spese di gestione) dello 0.22% (se non sai cosa sono, leggi qui)

Questo titolo replica l’andamento dei titoli azionari dei paesi sviluppati ed emergenti di tutto il mondo. La sua composizione, come possiamo vedere dall’immagine qui sotto, è in ogni caso molto sbilanciata verso gli Stati Uniti (fonte justetf).

Come investire 100.000€ in un portafoglio al 100% su etf mondo
Composizione dell’ETF Vanguard All World

Si sa che quella è l’economia che guida il mondo, di conseguenza non ce ne stupiamo.

Ma ricordiamoci una cosa: Se dovesse esserci un nuovo ordine mondiale dove la locomotiva economica mondiale diventasse ad esempio l’Italia, questo ETF si regolerebbe di conseguenza senza nessun bisogno di nostri interventi.

Averlo in portafoglio significa diversificare su 1338 aziende mondiali, quindi un ottimo grado di sicurezza (dove la sicurezza negli investimenti non è mai del 100%).

Il costo e l’andamento

Al momento il titolo viene scambiato a 98.04€, lontano dai massimi di 110€ a fine 2021.

Grafico del'andamento dell'ETF mondo di Vanguard
Il grafico del IE00B3RBWM25

Ma una perdita di “solo” il 10% in questo periodo di mercato incerto per guerra pandemia ed inflazione non è per nulla male.

Come già detto, se qualche azienda fa male, qualche altra per forza di cose farà bene, e attutirà il crollo del valore del titolo.

Da ricordare un ogni caso che ad inizio Covid (marzo 2020) veniva scambiato sui 60€. Siamo quindi sempre sopra di più del 50% in due anni.

Il rendimento

Ora che abbiamo visto quanto vale e come reagisce alle crisi di mercato, capiamo il suo rendimento.

Come si può dedurre benissimo, a un rischio basso si associa sempre e comunque un basso rendimento.

Andiamo a vederlo nel dettaglio.

In questi grafici possiamo vedere il valore dei dividendi staccati da questo ETF negli ultimi anni.

Il rendimento dei dividendi di questo ETF mondi di vanguard, utile per capire come investire 100.000€
I dividendi dell’ETF All World di Vanguard

Non farti spaventare da tutti i dati, quello che ci serve sapere sono solo due cose. La prima è a quanto ammontano i dividendi degli ultimi 12 mesi e la seconda e ogni quanto paga.

La prima informazione la troviamo all’inizio, ovvero 1.89€ per titolo (1.39€ netti). La seconda la deduciamo dal grafico finale, dove vediamo pagamenti (celle verdi) a marzo, giugno, settembre e dicembre.

Ci pagherà quindi 4 volte all’anno (come avviene per la stragrande maggioranza dei dividendi).

Quanto rende questo portafoglio con 100.000€?

Ora abbiamo tutti i dati e ci bastano poche operazioni per trovare la risposta alla domanda.

Con 100.000€ compriamo 1019 quote di questo titolo. Ogni quota paga 1.39€ netti, quindi possiamo aspettarci, a fronte di quell’investimento, di ricevere 1416€ all’anno.

Una delusione? Dipende a che rendimenti pensavi avessero gli investimenti. Se lasci quei soldi in un conto deposito, il rendimento è di circa la metà.

Ovvero 750€ considerando un interesse dell’1% lordo.

Inoltre, in questa riflessione non sto considerando l’apprezzamento del titolo in se. Abbiamo visto difatti che in due anni ha fatto un +50%.

Ciò vuol dire che potremmo trovarci con 150.000€ nel 2024 (ma i rendimenti passati non sono garanzia dei futuri e in generale la vedo davvero difficile).

Di sicuro anno dopo anno, tenderà a guadagnare valore. I soldi in un conto deposito verranno mangiati dall’inflazione.

Portafoglio 2 – Medio rischio e medio rendimento

In questa fascia inserisco il mio portafoglio attuale. O meglio, una semplificazione in quanto il mio è troppo frammentato.

Andiamo quindi a vedere una composizione con due ETF leggermente più selettivi rispetto al “mondo” visto in precedenza e a un’azione singola scelta da me.

La proporzione sarà di 40% per singolo ETF e il restante 20% l’azione.

Il primo ETF

Il primo ETF, che ho trattato approfonditamente qui, è il “Vanguard S&P 500 UCITS ETF“, (ISIN IE00B3XXRP09), con TER dello 0.07% (dettaglio su JustETF).

I ragionamenti, le riflessioni e i dati che prendo sono molto simili rispetto al portafoglio precedente, quindi andrò un po’ più veloce.

Il costo

Attualmente viene scambiato a 72.71€, a inizio pandemia è crollato a 40€ e a fine 2021 era arrivato ai massimi di 80€.

Andamento dell'ETF sullo S&P 500
Andamento dell’ETF sullo S&P 500

Un andamento assolutamente paragonabile all’ETF mondo visto prima.

Il rendimento

Sempre dal sito di JustETF veniamo a conoscenza che stacca i dividendi 4 volte all’anno e che negli ultimi mesi ha pagato 0.91€ (0.67€ netti).

La sua parte, ovvero 40.000€, ci rende annualmente 368.5€.

Rende meno dell’ETF mondo?

A questo punto una domanda potrebbe farsi strada: “ma Giacomo, questo ETF che dovrebbe essere più rischioso ha un rendimento inferiore rispetto a quello del mondo“.

E’ proprio così, ma è risaputo che l’indice S&P500 abbia una crescita annuale media del 10% (su dati pluridecennali).

Il ragionamento è che un’azienda o cresce o stacca dividendi lauti. E ha anche dei costi di gestione ridicoli, rispetto al precedente titolo.

Nella mia visione ha comunque senso inserirlo, soprattutto per bilanciare un po’ il prossimo EFT.

Il secondo ETF

L’altro 40% è occupato dal “Vanguard FTSE All-World High Dividend Yield UCITS ETF Distributing“(ISIN IE00B8GKDB10), con TER dello 0.29% (dettaglio su JustETF).

Questo titolo replica l’andamento delle aziende che hanno un dividend yield molto alto.

Come possiamo vedere dalla composizione qui sotto, infatti, Apple sparisce perché paga un dividendo minimo.

Composizione di un ETF che è ottimo per capire come investire 100.000€
Composizione dell’ETF che punta sulle aziende con elevato dividend yield

Il costo

Ora è scambiato a 55.62€, mentre in pandemia è arrivato a 37€ e a fine 2021 a 57€. Possiamo vedere che i movimenti sono molto più limitati, non essendo questo un titolo dedicato alla crescita ma “solo” allo stacco dei dividendi.

Il rendimento

Ogni titolo stacca 2.08€ di dividendi(1.53€ netti). Considerato che con 40.000€ ne posso comprare 719, ho un guadagno annuo netto di 1100€. Bello vero?

Se avessi composto l’intero portafoglio così, annualmente mi porterei a casa 2749€ puliti.

L’azione singola

Ho una predilezione trasmessa dal mio investitore di fiducia. Siccome un’immagine vale più di mille parole lascio che sia lei a dirvi a cosa sto facendo riferimento!

Già, mi sto riferendo a Warren Buffet come investitore e a Coca Cola, come azione!

Potrà sembrare rischioso andare diretti su questa azienda che fa solo quello… ma lo fa bene ed è il leader nel suo settore.

Ha un modello di business chiaro e dubito che da qui a 50 anni possa subire qualche scossone improvviso.

Il costo

Viene scambiata a 62.49€, uguale ai massimi di fine 2021.

In pandemia, invece, a causa della vendita pazza per la paura, era crollata a 38€. Un regalo, in pratica!

Andamento di Coca Cola negli ultimi 5 anni.

Chiaramente non ha dei costi di gestione, perché non è un ETF.

Il rendimento

Ricordo che questa azione è nell’elite dei Dividend Kings, ovvero titoli che sono nello S&P 500 e che hanno incrementato i dividendi da oltre 50 anni consecutivamente.

Quindi è assolutamente un investimento sul futuro, perché abbiamo la (quasi) certezza che questa condizione continuerà ad essere rispettata.

Nell’ottica di “compro e dimentico”, questa azione è da tenere in considerazione assolutamente.

Negli ultimi 12 mesi ha staccato 1.72 dollari ad azione (dettaglio qui), ovvero circa 1.08€ netto. In questo caso devo fare il cambio euro dollaro (che a momento tra l’altro è a 1) e la tassazione che è doppia (prima negli USA e poi in Italia) e corrisponde circa ad un 37%.

Ho fatto il conto preciso prendendo i dividendi di questo mese si Fineco e trovando il singolo pagamento mensile (circa 0.27€)

Dividendi pagati da Fineco per il portafoglio da 100.000€
Dividendi pagati da Fineco

Con 20.000€ compro 320 azioni che mi portano in pancia 345.6€ annui. In crescita abbastanza ovvia anno su anno.

Quanto rende questo portafoglio con 100.000€?

Sommando le tre rendite viste qui sopra abbiamo i 368.5 dell’ETF sullo S&P500, i 1100€ dell’ETF High Dividend World e i 345.6€ di Coca Cola.

Per un totale di 1814.1€. Circa un 33% in più del portafoglio a basso rendimento. Numeri molto interessanti!

Portafoglio 3 – Alto rischio e alto rendimento

Qui andiamo a farci potenzialmente molto male, ma se è il rischio che vogliamo… Iniziamo!

La strategia è molto semplice. Per mantenere una dignità la scelta delle aziende singole verrà fatta tra le Dividend Aristocrats che pagano più dividendi rispetto al loro valore d’azione.

Ho preso le sei aziende che superano il 4% (fonte), e sono le seguenti (con relativo Dividend Yield):

  1. Abbvie – ABBV (4.5%)
  2. Amcor PLC – AMCR (4.2%)
  3. Chevron – CVX (4.1%)
  4. Exxon – XOM (4.3%)
  5. International Business Machines – IBM (4.8%)
  6. Realty Income – O (4.4%)

Possiamo notare come la buona vecchia IBM le metta in riga tutte quante!

Ora risulta impossibile andare a sviscerare ogni singola azione come fatto in precedenza, quindi mi limiterò ad inserire tutti i valori in una tabella per vedere tutti i vari rendimenti.

Poniamo una equa distribuzione del 16% per ogni azione, quindi investirò 16.666€ per titolo.

Tutti i dati sono presi da Fineco (recensione qui) e da DividendMax.

AzionePrezzoQuoteDividendo (netto)Totale
Abbvie151.96€1093.55€386.95€
Amcor PLC12.46€13370.3€401€
Chevron138.3€1203.4€408€
Exxon83.7€1992.21€439.79€
IBM139.72€1194.13€491.47€
Realty Income 69.34€2401.89€453.6€
Tabella di rendita delle azioni prese in considerazione

Quanto rende questo portafoglio con 100.000€?

Vedo già un sorriso apparire sulla tua faccia, quando hai iniziato a vedere tutte le cifre presenti nella colonna “Totale”.

Se investissi 100.000€ in un portafoglio come quello indicato qui sopra, il rendimento totale annuo netto sarebbe di 2.580.81€.

Meno dell’ETF sulle High Dividend?

Anche qui, precisazione giusta. Questo portafoglio rende, ai conti attuali, circa il 200€ in meno di un portafoglio al 100% con l’ETF Vanguard High Dividend.

Ci sono da fare due precisazioni, la prima è che queste sono 6 Dividend Aristocrats, quindi hanno aumentato il loro dividendo anno dopo anno da almeno 25 anni (alcune molto più a lungo).

Di conseguenza possiamo aspettarci abbastanza tranquillamente una crescita costante di questa cifra. Cosa che non è garantita dall’ETF.

Infine prendendo le azioni così, non paghiamo il TER. Quindi il rendimento dei singoli titoli arriva totalmente a noi e il portafoglio si apprezza più velocemente.

Il rischio?

Io avevo puntato molto su una Dividend Aristocrats che “non poteva fallire”. Difatti qualche anno dopo l’acquisto ha smesso di distribuire dividendi ed è stata rimossa da quella lista.

Sto parlando di At&T, che mi piaceva e che aveva un dividend yield altissimo, superiore al 5%.

Se è capitato a lei, c’è una possibilità che accada anche per quelle che vai a selezionare tu, quindi attenzione!

Concludendo

Se sei un neofita come me, ti garantisco che al crescere del valore del portafoglio calerai drasticamente il grado di rischio.

Io sono partito con i primi 100€ investiti in titoli che davano dividendi stellari (fino al 7%), felicissimo perché prima raggiungevo il milione di euro e prima questa azione mi avrebbe garantito un rendimento annuo (di soli dividendi) di circa 51000€ (al netto del 26% di tasse).

Indovina cosa è successo poi? Superati i 5000€ ho iniziato a farmela addosso e a riflettere molto più attentamente sul da farsi.

Tant’è che sono passato dall’investimento in singole azioni a quello di etf ultra diversificati.

Ho perso rendimento? Certo! Me ne sono pentito? Assolutamente no! Preferisco dormire sereno la notte che avere l’ansia di continuo.

Come potrai vedere da questa lista, difatti, sono diventato ultra conservativo anche quando creo portafogli ad alto rischio.

Ma credo sia più corretto offrire una visione di insieme onesta e “pane e salame” piuttosto che parlare di strumenti finanziari esotici o di criptomonete con rendimenti del 20-30%, solo per attirare l’attenzione e non lasciare nulla di utile poi a chi legge questo articolo.

E tu? Sai già come investire 100.000€?

Com’è composto il tuo portafoglio? Concordi con la mia visione o hai qualcosa da aggiungere? Oppure sei alle prime armi e stai cercando di capire come investire 100.000€ e quanto rendono?

Fammelo sapere nei commenti o via mail a info@diventeromilionario.it

Rimani aggiornato (e ricevi gratis il mio ebook)!

Se vuoi rimanere aggiornato e ricevere gratuitamente il mio libro “Da Dipendente ad Imprenditore – Le 5+1 Regole Fondamentali” inserisci la tua mail qui sotto!


Disclaimer

Questo articolo ha solo scopo informativo e NON formativo. Gli argomenti trattati non devono intendersi come consigli finanziari che suggeriscono la vendita o l’acquisto dei titoli finanziari trattati.

Bisogna sempre ragionare con la propria testa e agire solo se si ha ben chiaro cosa stiamo facendo. In caso contrario, meglio rimanere fermi.

In ogni caso investi solo capitale che sei disposto a perdere, perché è quello che potrebbe succedere!

Ti è stato utile questo articolo?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.