Criptomonete,  defi,  Finanza Facile,  Investimento

Bot per fare trading crypto – Quali usare e quando (spiegazione facile)

Lo scorso week end ho partecipato ad un corso intensivo di 2 giorni per imparare a programmare bot per fare trading con le crypto.

Sto facendo rifermento a Cryptomatix, tenuto in accoppiata da InvestHero e dai ragazzi di TerraBitcoin (che purtroppo non credo sarà replicato e non penso saranno vendute le registrazioni).

Introduzione di Cryptomatix, il corso per creare Bot per fare trading automatico
Introduzione di Cryptomatix

Durante queste giornate sono arrivato ad un livello di conoscenza base, sufficiente per poter parlare di trading e di bot con cognizione di causa.

In questo articolo vado a trattare le 4 tipologie di bot che abbiamo visto (le più famose e utilizzate), parlando nel dettaglio del loro funzionamento e di quanto sia meglio utilizzarle.

Premessa

Le mie conoscenze di trading erano a zero, prima del corso. Ora mi sento più padrone dell’argomento ma sono ben lontano dal dire di essere un mago in questo settore!

Prendi questo articolo come il racconto di un amico che vuole condividere quello che ha imparato, cercando di riassumerlo nel modo più semplice e comprensibile possibile.

Di certo non vuole essere un incitamento ad iniziare a fare trading o a programmare bot.

Cose importanti da sapere prima di iniziare

Può sembrare un paradosso, ma questi bot non vanno a sostituire la nostra operatività nei mercati.

Essi difatti vanno ad aggiungersi al nostro arsenale come strumento fondamentale per portare avanti una strategia in maniera indipendente e rapida.

Se non sai nulla di Trading, non fa niente! Anche io ero a zero fino a qualche tempo fa. Poi però ho seguito diversi corsi (questo è quello che mi è stato più utile).

Adesso andiamo a vedere che piattaforma utilizzare per creare i nostri bot.

Quale piattaforma utilizzare

Tutti gli screenshot che troverete qui sono riferiti a Kucoin, ottima piattaforma per iniziare e che utilizzo quotidianamente in accoppiata con TradingView per lo studio dei grafici.

L’altra piattaforma che citerò nei bot DCA è 3commas, perché ha dei parametri più avanzati rispetto a quella citata in precedenza.

Tutte e tre hanno un piano standard gratis, se vuoi provarle.

Ora sappiamo tutto quello che ci serve. E’ giunto il momento di addentrarci nel fantastico mondo dei bot, partendo dal più famoso e utilizzato.

Bot a Griglia

Questo è tra i più gettonati quando si parla di bot per fare trading con le crypto. E’ anche il preferito dagli exchange, in quanto permette loro di guadagnare tramite le commissioni.

Per questo sempre più piattaforme lo forniscono con i parametri già impostati (tramite l’intelligenza artificiale), di modo da permetterne un’attivazione immediata.

Come già detto, se non capiamo cosa stiamo facendo, non abbiamo un’idea di cosa vogliano direi quei parametri e se abbiano senso o se siano sbagliati, stiamo giocando d’azzardo.

Come funziona

Dobbiamo impostare due limiti, inferiore e superiore, all’interno del quale crediamo che il prezzo del token si muoverà.

Qui dentro mettiamo altri sotto livelli, che sono le griglie appunto. Dobbiamo specificare il numero di griglie e il bot si occuperà di creare tutti i livelli di azione.

Quando scenderà, andrò a comprare il token, mentre in risalita andrò a vendere per guadagnare.

Siccome può sembrare difficile, qui sotto metto un’immagine per chiarire quanto detto finora.

I limiti sono 20.000$-21.500$, con 12 griglie. Possiamo vedere difatti che le linee iniziano a 20.000 e terminano a 21.500.

Un bot per fare trading a griglia è così formato
Un esempio visuale dei livelli di un bot a griglia

All’interno troviamo 12 sotto livelli, che sono appunto le nostre griglie. Quando il prezzo scende e va oltre un limite (una delle linee verdi), effettuerà un acquisto.

Se sale e supera un livello superiore (linea rossa), effettuerà una vendita.

Una precisazione sul funzionamento

Nel caso dell’esempio utilizzato, sto andando ad aprire questo bot per fare trading su BTC/USDT.

Ciò vuol dire che quanto entro dovrò possedere entrambi. Nel caso possedessi solo USDT, dovrei utilizzare metà fondi per acquistare BTC.

E’ un’impostazione avanzata che si può settare (scegliendo di entrare non a mercato ma aspettare che il prezzo cali).

Quando utilizzarlo

Il suo utilizzo principale è in caso di mercato che lateralizza. Ovvero dove non sono presenti grandi balzi ne verso l’alto che verso il basso.

Il grafico qui sotto rappresenta un esempio di quello che si intende per “lateralizzare”.

L’andamento di Bitcoin in questo periodo è proprio così. In particolare, l’immagine qui sopra fa riferimento ai 3 giorni tra il 1 e il 4 luglio (con candele orarie).

Più il prezzo balla (in un range ristretto), più saranno i nostri guadagni.

Ovviamene se faccio un intervallo troppo stretto rischio che il bot sia sempre fuori e non si attivi mai.

Mentre se ne faccio uno troppo ampio (diciamo su Bitcoin con valore 10.000$-50.000$) rischio che le griglie siano troppo larghe e che faccia poche operazioni di compravendita.

Il top quindi è fare delle griglie larghe il giusto e scegliere un intervallo dove il prezzo ci resta il più possibile.

Adottando questo comportamento (chiaramente utopico perché nessuno sa prevedere i mercati), andremo ad ottenere dei guadagni davvero interessanti in una fase di mercato laterale, che altrimenti non ci avrebbe premiato.

E’ un bot interessante anche per abbattere la volatilità, perché ci permette di accumulare token quando il mercato storna (ricorda che quando il prezzo scende, il bot compra).

Attenzione però, perché come abbatte la volatilità in discesa, così lo fa anche in salita. Ciò vuol dire che guadagniamo meno utilizzando questa strategia a griglia, piuttosto che mantenere la posizione.

Mi spiego: Se Bitcoin passa da 20.000 a 40.000 e non lo ho venduto, ho un guadagno di 20.000. Mentre se era attivo il bot, man mano che il prezzo cresceva lui vendeva piccoli pezzettini di titolo.

Chiaramente in questo caso avrei guadagnato meno, perché avrei venduto a prezzi minori.

Inoltre, visto che il capitale viene diviso fra tutte le griglie, il mio accumulo sarà minimo, quindi non è la strategia ottimale per questo tipo di fase (è consigliabile utilizzare il DCA, che vedremo dopo).

Interfaccia di Kucoin che visualizza i bot per fare trading

Io ho impostato un bot a griglia su Bitcoin, con i risultati che puoi vedere nell’immagine a fianco (o sotto, se sei su smartphone).

Il +319% può fuorviare e rendere entusiasti, ma il dato da prendere in considerazione (come già detto) è il profitto reale, ovvero +1.74%.

Certo, è stato raggiunto in 20 ore e questo è tanta roba, ma nulla garantisce che il prezzo di Bitcoin continui ad avere quel rendimento.

Quindi sono dati che valgono solo se riferiti al periodo di tempo attuale e non proiettati in un futuro lontano.

Bot DCA

Come già detto nell’articolo sul DCA, il Dollar Cost Averaging ha lo scopo di ottimizzare il prezzo medio di carico di un titolo andando a spezzettare i nostri acquisti nel tempo.

Questo approccio è storicamente il più utilizzato per abbattere la volatilità di un titolo.

I parametri sono molto semplici e sono 3:

  1. Investimento iniziale
  2. Investimento periodico
  3. Periodicità di acquisto (mensile, trimestrale ecc.)

Una sua evoluzione da la possibilità di impostare, invece che la periodicità, un livello di prezzo.

Come funziona

Parto dal più semplice, e credo che non ci sia molto da aggiungere. L’idea che ci sta dietro è esattamente quella di un Piano Di Accumulo Capitale (PAC).

Le interfacce grafiche di KuCoin e 3commas sono difatti molto facili da leggere e da completare.

Si differenziano per minimi parametri, ma quello che ci sta alle spalle è semplice e se sei nel mondo degli investimenti da un po’ ti tempo ti sarà di certo chiaro.

Se sei curioso e vuoi fare delle analisi sull’andamento del Bitcoin e come avrebbe performato un DCA storicamente, puoi usare il sito dca-cc.com.

Se invece vogliamo procedere con un acquisto scandito dall’andamento del prezzo, dobbiamo utilizzare la sezione DCA bot di 3commas (KuCoin non lo offre).

Non sto a spiegare per filo e per segno cosa significano tutte le varie impostazioni, ma vorrei evidenziare il parametro “Price Deviation”

Interfaccia del DCA su 3commas, un altro bot per fare trading
Interfaccia del bot DCA su 3commas

Nel mio caso ho messo 2.5%, e sta a significare che ad ogni calo del 2.5% il bot procederà ad acquistare 10 USDT di Bitcoin.

Il sito offre una tabella riassuntiva molto bella e dettagliata di cosa si andrà a ricevere quando questo bot verrà attivato.

Tabella riassuntiva delle azioni del bot dca su 3commas
Tabella riassuntiva delle azioni del bot

Effettuerà 5 acquisti di 10 USDT, ognuno a 2.5% di deviazione dal prezzo.

Nella colonna “Price” vediamo il livello al quale procederà con l’operazione e su “Average Price” il prezzo medio di carico.

Dopo di queste troviamo due colonne fondamentali, ovvero “Required Price” e “Required Change %“. Ci dicono il prezzo al quale il titolo (in questo caso Bitcoin) deve tornare per farci andare in guadagno.

Sullo step 5 vediamo che acquistiamo a 18070.83 e per andare in guadagno basta un movimento verso l’alto del 7.9%.

Teniamo conto che il prezzo, dagli inizi del bot, è diminuito di circa il 12%.

Quando utilizzarlo

L’asset sul quale devi attivare questo bot deve essere qualcosa che vuoi tenere sul lungo periodo, dato che man mano che andrà avanti con la sua azione questo continuerà ad accumulare.

Chiaramente la frase qui sopra è riferita ai bot “temporizzati” e non a quelli che utilizzano i livelli di prezzo come soglia di acquisto.

Questi difatti sono utilissimi per approfittare di un crollo di mercato, anche repentino.

Difatti il bot effettua tutti gli ordini concordati in quel lasso di tempo e potenzialmente ti fa guadagnare molti soldi (presupponendo una crescita successiva).

Cosa che risulta molto difficile andando a dichiarare una periodicità di acquisto, perché dovresti beccare il giorno esatto dove c’è il crollo. (dovresti avere molto culo).

Il DCA basato sul prezzo, come avrai capito, non è fatto per i periodi dove il mercato lateralizza, in quando praticamente non entrerebbe mai in azione.

Bot Rebalancing

Questo bot per fare trading non è molto utilizzato (e forse non lo hai neanche mai sentito nominare).

Il suo scopo è di provvedere a mantenere bilanciato il rapporto (che decideremo all’inizio) tra due token.

Come funziona

Posso impostarlo con una composizione 75%-25% USDT-BTC e a fine lui venderà per continuare a mantenere questa proporzione, indipendentemente dal movimento del prezzo.

Volendo si possiamo impostare un bot con più di due token al suo interno, andando a creare una specie di piccolo etf.

Per spiegare meglio questa affermazione inserisco qui sotto l’immagine di KuCoin, che offre degli Smart Rebelancer preimpostati.

Smart Rebalancer preimpostati di KuCoin
Smart Rebalancer preimpostati di KuCoin

Abbiamo quello sulla realtà virtuale (con dentro SAND e MANA), quello sulla privacy con Monero ecc.

Lo Smart Rebalance con due Token
Lo Smart Rebalance con due Token

Nelle impostazioni avanzate, inoltre, possiamo andare a dichiarare quando vogliamo che questo ribilanciamento avvenga.

L’interfaccia per farlo è semplice e ci fa vedere tutte le opzioni possibili.

In questo Bot per fare trading dobbiamo dichiarare quando vogliamo fare il ribilanciamento
Dobbiamo dichiarare ogni quanto vogliamo ribilanciare

Quando utilizzarlo

Se si vuole fare un portafoglio variegato, questo bot è un’ottima soluzione.

Attenzione però, che funziona bene solo in bull market (cosa significa bull market). Difatti se inseriamo 10 token e uno di questi “fa il botto”, pian piano lui lo venderà per comprare tutti gli altri 9 token e tornare alla giusta proporzione.

Di conseguenza il mio portafoglio crescerà di valore in maniera semplice e lineare.

Ha solo una nota negativa, ovvero avete il rischio di perdere tutto!

Se una delle coin presenti nella lista del bot va a zero, lui vi manda a zero tutto il portafoglio.

Un esempio lampante è aver avuto LUNA o UST in questo rebalancer.

Magari avevamo creato un portafoglio con 500.000$ inserendo Bitcoin, Ether, Luna e Solana in proporzione 25%, al crollo di Luna il nostro portafoglio varrà 0.

Perché lui continua a ribilanciare vendendo tutte le altre coin, portandoci a picco.

Un ulteriore bot!

Esiste una quarta tipologia di bot, della quale molto probabilmente non hai mai sentito parlare. Sto parlando dei QFL, ma prima di trattarli… vorrei sapere se ti interessano!

Quindi lascia un commento a questo articolo e aggiungerò la descrizione dettagliata di questo strumento raggiunti i 5 commenti!

Concludendo

Spero che questo articolo ti sia stato utile per capire cosa sono realmente i bot e soprattutto che serve una conoscenza di base prima di poterli lanciare.

In alternativa stiamo solo premendo bottoni a caso sperando di essere fortunati, un po’ come alle slot machines del casinò.

Fammi sapere se utilizzi già i bot e quale piattaforma consigli! Infine se vuoi aggiungere qualcosa o hai trovato l’articolo interessante, fammelo sapere nei commenti o via mail a info@diventeromilionario.it.

Rimani aggiornato (e ricevi gratis il mio ebook)!

Se vuoi rimanere aggiornato e ricevere gratuitamente il mio libro “Da Dipendente ad Imprenditore – Le 5+1 Regole Fondamentali” inserisci la tua mail qui sotto!


Disclaimer

Questo articolo ha solo scopo informativo e NON formativo. Gli argomenti trattati non devono intendersi come consigli finanziari che suggeriscono la vendita o l’acquisto dei titoli finanziari trattati.

Bisogna sempre ragionare con la propria testa e agire solo se si ha ben chiaro cosa stiamo facendo. In caso contrario, meglio rimanere fermi.

In ogni caso investi solo capitale che sei disposto a perdere, perché è quello che potrebbe succedere!

Sezione FAQ

Posso usare i bot se non so fare trading?

No, se non si hanno le conoscenze di base del trading non ha senso utilizzare i bot. Il rischio è di fare qualcosa a caso, senza sapere il perché dei risultati ottenuti.

Come funziona un bot a griglia?

Bisogna impostare il limite massimo e minimo e il numero di livelli presenti all’interno di questo range. Se il prezzo rimane dentro i parametri da noi stabiliti, il bot comprerà quando il prezzo cala e venderà quando cresce. In questo modo potremo guadagnare da un mercato laterale.

Come funziona un bot DCA?

Un bot DCA, ovvero Dollar Cost Averaging, offre la possibilità di acquistare una criptomoneta ad un intervallo di tempo prestabilito. Esattamente come in un PAC. Può anche funzionare su livello di prezzo, quindi posso approfittare di crolli repentini del mercato per fare tutte le mie operazioni di acquisto in breve tempo.

Come funziona un bot Rebalancing?

Posso impostare una proporzione che deve rimanere tale, e posso scegliere due o più token. Ad esempio posso scegliere USDT e BTC in rapporto 20%-80%. Il bot farà si che questa proporzione sia rispettata. Il grosso rischio è che se una delle cripto presenti va a zero, tutto il portafoglio va a zero.

Ti è stato utile questo articolo?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.