Conteggi,  Guadagnare,  Numeri dell'azienda

Programmiamo le spese dei prossimi 6 mesi

Finalmente il momento è arrivato. Questo è il primo post di Giacomo imprenditore digitale a tempo pieno.

Sulla scia dell’episodio del podcast “Budgetizzare” ho deciso di pianificare spese (tante) ed entrate (poche, almeno all’inizio) per i prossimi 6 mesi.

Una volta fatto questo, posso tranquillamente spegnere il cervello su eventuali spese superflue o non programmate.

Difatti ho notato che non avendo un piano preciso, qualsiasi spesa viene da me vissuta con: “Vabbè dai, ci sta”.

In realtà sono molto migliorato in quest’ultimo anno. Riesco a tenermi testa in maniera brillante ed a farmi ricredere su degli acquisti assolutamente non necessari ma che per un motivo o per l’altro erano entrati nella mia wish-list quotidiana.

Il fatto di sapermi limitare è di per se un’ottima cosa, ma ha un grandissimo difetto: Ogni volta è una battaglia interiore che costa tempo ed energie.

Potrà sembrare stupido ma il dover pensare ogni volta a come fare per distrarsi dall’acquisto del momento può davvero sfiancarci e soprattutto il nostro nemico (noi) impara e migliora molto in fretta.

Fortunatamente c’è una soluzione!

Facciamo un programma per i prossimi 6 mesi

Una volta deciso cosa è programmato e cosa no, non ci sono più discussioni da fare. E forse certe tentazioni nemmeno attecchiranno.

Forse potrei comprar… no, non è in budget, non ci sono soldi. Fine della festa.

Giacomo vs Giacomo

Le entrate

L’entrata certa che avverrà nei prossimi giorni è quella dell’ultima paga (con relativa 14esima, parte di 13esima e ferie arretrate).

Ancora non so di preciso l’importo ma provo ad ipotizzarlo:

  • Paga giugno 1450€
  • 14esima 1200€
  • metà 13esima 600€
  • ferie arretrate (5 settimane) 1300€

Per un totale di 4550€. Ammetto che sono stato molto conservativo con la stima. Se l’importo fosse inferiore sarei davvero contrariato.

Un esempio di faccia contrariata per uno stipendio troppo basso
Un esempio di faccia contrariata per uno stipendio troppo basso

Purtroppo la previsione è stata molto più precisa di quanto credessi. L’ultima busta paga infatti è di 4624€.

Al momento non teniamo conto di altre entrate che sono ancora limitate e incerte, anche se conto di dar loro una solida base già nei prossimi 3 mesi.

Le uscite

La prima è quella di 1000€ per raggiungere l’obiettivo di investire 4000€ entro il 31 luglio. Dico solo 1000€ perché gli altri 1000€ sono stati gentilmente forniti dallo stato con un’altra tranche del decreto rilanci

1000€ del decreto rilanci

Rimangono 3624€.

C’è da versare gli ormai famosi 450€ mensili nel conto di famiglia. Altri 2700€ che se ne vanno.

Rimangono 924€.

La mia idea era quella di continuare a versare i 50+50€ nei due conti deposito (che inizierò ad utilizzare una volta finiti questi 4624€). 600€ che metto via per poi riutilizzarli a breve ma mi piace l’idea di risparmiare comunque.

Rimangono 324€.

Togliamo la donazione mensile a Telethon (20€), i costi di gestione del blog (10€ al mese) e Spotify (15.99€ al mese) che per se mesi corrispondono a 275.94€.

Rimangono 48.06€ che corrispondono ad un margine minimo di errore.

Sempre meglio di andare in rosso con le precisioni, direte voi. Purtroppo è quello che accadrà, perché…

Ah già, l’automobile!

Ho sempre ribadito nel podcast che le automobili siano delle succhiasoldi a tradimento e ho sempre parimenti affermato di non avere sufficienti palle per vendere la mia.


Vuoi ascoltare invece che leggere? Segui il mio Podcast “Diventerò Milionario – on the road” per essere aggiornato su questo e molto altro! Ogni giorno un nuovo episodio. Ti aspetto!


E ora siamo qui a contare quanto mi costerà nei prossimi 6 mesi.

Bollo

Cosa facciamo, non paghiamo questa tassa perché possediamo una macchina? 230€ vanno così

Il tagliando

Sulla sicurezza non si scherza. E’ anche un modo per prevenire guai più grandi in futuro quindi avanti con questa spesa. Per esperienza personale so che circa verso i 100.000km le pastiglie dei freni sono da sostituire.

Mi aspetto quindi circa 250€ di intervento.

L’imprevisto

Purtroppo non sto parlando di ipotetici imprevisti che possono accadere nei prossimi 6 mesi, ma di una cosa che mi è capitata in vacanza e che purtroppo potrebbe costarmi altri 200€.

Come leggerete nell’articolo, fortunatamente il tutto si è risolto. Di conseguenza tolgo questi 200€ dal budget.

Totale

230+250= 480€. Tutte e tre le spese avverranno nell’arco dei prossimi 3 mesi e questo è probabilmente una fortuna visto che “fuori il dente, fuori il dolore”.

Il negativo si fa pesante con un -430€. E non è finita.

Le spese personali/varie/imprevisti

E’ inutile e pericoloso fingersi dei monaci quando si immagina di quanti soldi avremo bisogno per vivere

Ah, sto mese non esco mai e non spendo nulla. In budget metto un bel zero.

E’ una frase che pensavo spesso anche io. Solo che la realtà è sempre molto diversa da come la ipotizziamo (o da come vorremmo essa fosse).

Di conseguenza per spese personali, imprevisti e altro (regali ecc.) setto un onesto 100€ al mese che portano il tutto a -1030€.

Ah già, la partita IVA

Da dipendente è gratuita, ma da imprenditore i contributi INPS bisogna pagarli appieno. E stiamo parlando di circa 4000€ all’anno.

Nel 2021 passerò solo 6 mesi da imprenditore e di conseguenza stiamo parlando di 2000€.

E’ un pagamento che viene richiesto 4 volte all’anno con rate di circa 960€ a Febbraio, Maggio, Agosto e Novembre.

330€ al mese.

Il commercialista mi ha detto che c’è una buona possibilità che l’INPS sono sia così veloce nell’accorgersi che deve iniziare a chiedermi dei soldi dato che ho terminato il mio contratto lavorativo.

Ovviamente quando si attiverà, mi richiederà tutto, arretrati compresi. Quindi sono soldi che sicuramente prima o poi usciranno e di conseguenza vanno budgettizzati.

Concludendo

Non avevo mai fatto un budget così ragionato e per un lasso di tempo così lungo (una volta ne ho fatto uno per due mesi), di conseguenza so che molte cose sono state involontariamente tralasciate.

Ho in ogni caso tutta l’intenzione di tornare qui periodicamente e sistemare le cifre aggiungendo eventuali voci (spero anche a livello di introiti).

Quello che volevo fare con questo articolo era prendere una cifra (4624€) e capire se mi sarebbe bastata per vivere per 6 mesi. Senza rifugiarmi nella classica frase “Me li farò bastare“.

Perché pensarla in quel modo non funziona. L’unica cosa che funziona in questo ambito sono i numeri.

E i numeri ad ora mi dicono che per vivere 6 mesi dovrei guadagnare altri 3030€ (diciamo che i 2000€ di partita iva pesano parecchio, ma ci sono e non possiamo chiudere gli occhi facendo finta di nulla).

Ora che è tutto scritto nero su bianco so cosa aspettarmi, cosa sperare e soprattutto cosa evitare!

Voi fate qualche tipo di budget settimanale/mensile/annuale? Se si come lo gestite e quanto vi ha aiutato ad essere più consapevoli dei costi?

Fatemelo sapere qui sotto!


Rimani aggiornato!

Nuovi articoli, episodi del podcast e webinar sono sempre in arrivo!


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *