Etf sintetici e fisici differenza

ETF Sintetici Vs Fisici: in che modo sono diversi

Scopri cosa sono e quali sono le differenze tra gli ETF sintetici e fisici ed in che modo si differenziano.

Un ETF (acronimo di Exchange Traded Funds) è un tipo di titolo che replica un indice, un settore, una merce o un altro bene, ma che può essere negoziato in borsa come una normalissima azione. Un ETF può essere strutturato per tracciare qualsiasi cosa, dal prezzo di una singola materia prima a un’ampia e diversificata collezione di titoli. Gli ETF possono anche essere strutturati per monitorare strategie di investimento specifiche. 

 Ma quali sono le differenze tra ETF sintetici e fisici? Scopriamolo nelle prossime righe!

 Indice

Per i gestori di fondi professionisti, la differenza tra gli ETF sintetici e fisici, e quindi la scelta tra i due, è una considerazione importante quando si costruisce un portafoglio. Ecco quali sono le caratteristiche di questi 2 prodotti e quali sono i pro ed i contro di ognuno di loro.

ETF Fisici

Un ETF fisico lavora per replicare l’indice target tenendo tutti o una rappresentazione dei titoli sottostanti che fanno parte di quell’indice. Una replica fisica implica l’acquisto e la vendita dei componenti di quell’indice: è un processo laborioso e può essere soggetto a tracking error, a seconda della qualità dell’ETF.

ETF fisici o sintetici
ETF fisici o sintetici

Con gli ETF fisici bisogna decidere se acquistare tutte le componenti di quell’indice o formare un campione ottimizzato (che, proprio essendo un campione, potrebbe essere soggetto a più errori).

ETF sintetici

Gli ETF sintetici, al contrario, non detengono i titoli fisici e replicano un particolare indice affidandosi a derivati ​​come gli swap per eseguire la strategia di investimento.

Uno swap è un contratto tra due parti per lo scambio di flussi di cassa in un determinato periodo di tempo. Ciò consisterebbe essenzialmente in un accordo tra il fornitore dell’ETF e una controparte (tipicamente una banca di investimento) per pagare all’ETF il rendimento dell’indice, al netto di una commissione.

Questo swap riduce i costi e il tracking error, ma introduce anche il rischio della controparte. Se la banca non riesce a fornire i rendimenti promessi dall’indice, gli investitori in quell’ETF potrebbero soffrirne.

Per gestire tale rischio, la controparte deve inviare una garanzia, che il fornitore dell’ETF può richiedere in caso di inadempienza.

In teoria, gli investitori riceverebbero comunque il pieno valore di mercato.

ETF sintetici e fisici le differenze principali

Sia l’approccio fisico che quello sintetico implicano che gli investitori detengano un certo grado di proprietà, inclusi i diritti di voto, e ricevano direttamente qualsiasi reddito (dividendi o cedole).

ETF Sintetici - Vantaggi e svantaggi
ETF Sintetici – Vantaggi e svantaggi

Gli ETF sintetici hanno teoricamente un tracking error inferiore rispetto alle loro controparti fisiche. Questo generalmente significa che la performance dell’ETF è più vicina a quella dell’indice, poiché la controparte dello swap deve fornire esattamente il rendimento di mercato.

Il “rischio di controparte” (il rischio che una controparte fallisca e quindi non sia in grado di adempiere ai propri impegni) è presente negli ETF sia fisici che sintetici.

Gli ETF fisici possono essere potenzialmente esposti al “rischio di controparte” se il fornitore di ETF si impegna nel prestito di titoli.

Con gli ETF sintetici, stai inevitabilmente assumendo il “rischio di controparte” con il fornitore di swap.

Conclusione sulle differenze tra gli ETF sintetici e fisici

Ci sono vantaggi e svantaggi per entrambi i tipi e non esiste una regola fissa su quale dei due sia “migliore” rispetto all’altro. Il principale vantaggio di un ETF fisico è una maggiore trasparenza, ma costi più elevati e soggetti a tracking error. Lo svantaggio principale degli ETF sintetici, invece, è l’esposizione del rischio della controparte. Il vantaggio è invece che si riducono i costi e il tracking error diminuisce sensibilmente.

Nel caso stiate cercando uno strumento che vi fornisca informazioni sulla maggior parte degli ETF presenti sul mercato, vi consiglio JustETF.it (nel caso non lo conosciate già!).

Spero di essere riuscito a chiarirti le idee una volta per tutte, ma se avessi ancora qualche dubbio a riguardo, non esitare a lasciare il tuo commento!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per diversi scopi, tra cui raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito. Continuando ad utilizzare il sito si accettano le condizioni della privacy. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi