L’ovvietà dell’andamento delle azioni

Alla fine, diciamocela tutta… l’investimento nel mondo azionario è davvero semplice.

Perdere denaro, investendo con costanza e non vendendo mai, è impossibile.

Nel 2020, con la velocità col quale viaggiano le informazioni e la trasparenza obbligatoria, qualsiasi scossone è ampiamente preannunciato (e in ogni caso quasi impossibile).

Siamo abituati a guardare i grafici dell’andamento delle azioni notando dei grossi crolli di valore che vengono sempre recuperati nel giro di pochi anni (e iniziamo a pensare: “ah, se fossi entrato in quel momento!).

Un andamento come quello nell’immagine qui sotto, per intenderci:

L’andamento dell’azione Piaggio

Il grafico fa riferimento all’azione di “Piaggio“, presente nel mio portafoglio.

L’azione crolla ma prontamente si riprende dopo ogni tonfo.

Facciamo un gioco!

Con l’azione di Piaggio, così come con tutte le azioni delle quali vediamo i grafici dell’andamento fino all’istante attuale, è facile dire: “dovevo investire, era ovvio che l’azione sarebbe cresciuta nuovamente”.

E’ un pensiero che faccio spesso anche io. L’azione XY sta crollando… ho 500€ cash, li butto là perché la ripresa è ovvia.

Come ciliegina sulla torta andiamo su Google e siccome internet ci da sempre la risposta che vogliamo trovare, leggiamo un articolo che conferma il fatto che l’azione XY riprenderà vigore nelle prossime settimane.

Iniziamo a giocare

Due azioni, rossa e verde. L’andamento è riferito all’ultimo anno ed è il seguente:

Andamento azione rossa
Andamento azione rossa
Andamento azione verde
Andamento azione verde

Lasciamo da parte l’analisi fondamentale, si sa benissimo che a meno di non essere professionisti del settore, la scelta viene fatta al 99% a sentimento (dicesi anche, a culo).

In ogni caso entrambe le aziende solo molto solide e rispettate.

L’azione rossa ha avuto un andamento stabile nell’anno passato e sembra si stia riprendendo dal minimo che è stato verso i 75€ e ora si attesta verso i 100. E’ un buon affare, pensiamo, l’azione sta già risalendo.

La verde ha avuto un boom di crescita nell’ultimo anno e a quanto pare abbiamo già perso la nostra occasione per entrare. Tra l’altro sembra stia scendendo di nuovo quindi non ha senso comprare.

Hanno senso i ragionamenti?

Sono dei ragionamenti che a mio modo di vedere hanno assolutamente senso e che se ho fatto io, potranno fare molti altri.

In ogni caso non c’è problema, sia che investa nella rossa o nella verde non posso sbagliare. Alla lunga il mercato mi darà ragione.

Scopriamo le carte

Andiamo ora a vedere il grafico fino ad oggi di entrambe le azioni. Vi anticipo che una delle due ha perso più del 60% in una sola giornata.

La rossa (tradita anche dal colore che la rappresentava), ha avuto questo andamento

Andamento aggiornato dell'azione rossa
Andamento aggiornato dell’azione rossa (Wirecard)

Stiamo parlando di Wirecard, società di tecnologia e servizi finanziari al centro di uno scandalo in questa settimane (scriverò un articolo prossimamente).

L’azione si stava riprendendo, sì… ma in pochi giorni è passata da 100€ all’attuale 1.68€.

Se avessimo avuto la malaugurata idea di investire quel poco che avevamo da parte in questa azione, puntando tutto sul fattore “tanto alla lunga il mercato cresce sempre” ci saremmo presi una bastonata che ci avrebbe allontanato per sempre dagli investimenti.

Azione verde, invece, la sempre sorprendente Apple

Andamento aggiornato dell’azione verde (Apple)

Dopo la piccola flessione possiamo vedere come abbia prontamente ripreso e si sia rivelata la migliore scelta tra le due.

Altra vittoria per Tim Cook!
Altra vittoria per Tim Cook!

Parliamoci chiaramente

Quando si dice “investite solo quello che potete permettervi di perdere” o “non investite se non sapete quello che state facendo”, non è tanto per dire.

Come abbiamo visto all’inizio, è facile ragionare con il senno di poi, ma quando prendiamo una decisione non abbiamo assolutamente idea di cosa ci attenda dietro l’angolo.

Fare ragionamenti basati su dati storici è una delle poche valutazioni che si possono fare e spesso ci porta ad indovinare. Ma proprio di questo stiamo parlando, di “indovinare“.

A dimostrazione della presenza di un margine di errore nelle valutazioni, anche (e soprattutto) gli investitori professionisti ricorrono a strategie di difesa per proteggersi (utilizzando l’hedging, ad esempio).

Se lo fanno loro, per quale assurdo motivo (parlo per me, ma credo di non essere il solo) il difendersi non è una cosa che si prende minimamente in considerazione?

La situazione di Wirecard è reale, attuale e… assolutamente imprevedibile. In questo caso una protezione ben studiata ci avrebbe salvato.

Tutto questo per sottolineare che investire è uno dei modi migliori per far fruttare il nostro capitale ma è anche uno dei migliori per perderlo in pochissimo tempo.


Ragionare sempre con la nostra testa perché i soldi e il culo in ballo sono i nostri.


Dove iniziare?

Se volete iniziare a capirci qualcosa di più, vi consiglio la lettura di questi articoli sugli etf, sullo s&p500 e sui dividend aristocrats.

Sono ovviamente un’infarinatura di base che NON tratta gli argomenti in maniera esaustiva, ma vi permette di muovere i primi passi!

Per il resto se avete somme ingenti e poche conoscenze, assolutamente rivolgersi ad un professionista indipendente (non il consulente della banca).

Tutti i contenuti di questo sito non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in titoli azionari, contratti future, opzioni, fondi comuni o in qualsiasi altro strumento finanziario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per diversi scopi, tra cui raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito. Continuando ad utilizzare il sito si accettano le condizioni della privacy. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi