Bearish market

Vendere azioni allo scoperto

Vendere un’azione allo scoperto è una strategia d’investimento che permette di generare un capital gain vendendo, di fatto, azioni che non si posseggono ancora.

“Come è possibile una cosa del genere?”, vi starete chiedendo.

Il concetto che si cela dietro la vendita allo scoperto è completamente opposto alla natura primaria dell’azione che, per definizione, rappresenta una piccola porzione di una società che viene acquistata da un’azionista.

Ma come è possibile guadagnare attraverso un’operazione che ti permette di vendere un’azione che non hai ancora acquistato? E soprattutto quali rischi si celano dietro ad una strategia del genere e perché dovrebbe convenire?

Come funziona la vendita di azioni allo scoperto

Comprendere il significato di vendita allo scoperto può risultare complesso perché è logico pensare che prima di poter vendere un qualcosa questa debba essere prima acquistata.

E se quel qualcosa ci venisse prestato?

Risiede proprio qui la vera  essenza della vendita allo scoperto.

Qualcuno (il broker)  ci presta i suoi titoli azionari che possiamo rivendere ad un determinato prezzo, con la speranza che il valore di quell’azione scenda nel breve periodo.

Così facendo il prezzo di acquisto sarà minore di quello di vendita. Si tratta del classico concetto che permette di guadagnare da qualsiasi compravendita, solo che le fasi di acquisto e vendita sono invertiti.

Nel momento in cui acquistiamo i titoli questi sono restituiti all’intermediario che ce li ha prestati e che guadagna ovviamente un interesse su questa operazione.

Ancora qualche dubbio? Facciamo un paio di esempi.

Qualche esempio pratico

Prevediamo che il prezzo dell’azione XYX, nel giro di qualche giorno, scenderà perché gli investitori stanno perdendo fiducia ed interesse verso quella società.

Ci rivolgiamo ad un broker online ed apriamo una posizione short per vendere 100 azioni XYX, che al momento valgono 25€.

Dopo qualche giorno le nostre previsioni si rivelano esatte ed il titolo azionario scende, portando il suo valore a 15€.

Così facendo abbiamo generato un profitto perché abbiamo venduto 100 azioni a 25€ (2.500€) e le abbiamo acquistate a 1.500€ (100 x 15€).

Se al contrario delle nostre previsione il valore dell’azione fosse salito a 30€ avremmo invece prodotto un risultato negativo, generando una perdita di 500 euro.

Perché è importante saper vendere allo scoperto

Il mercato azionario offre moltissime opportunità di guadagno anche in fasi ribassiste e la vendita allo scoperto, o short selling, è lo strumento che ci permette di poter trarre un profitto anche quando prevediamo che il valore di un’azione diminuirà a breve.

È importante conoscere e saper gestire questa strategia per massimizzare le opportunità di guadagno speculando sul ribasso dei prezzi, per sfruttare anche le fasi di volatilità dei mercato.

Di fatto senza la vendita allo scoperto ci si dovrebbe limitare alla classica strategia che prevede prima l’acquisto e poi la vendita, sfruttando solo le fasi rialziste.

I rischi e criticità di vendere azioni allo scoperto

Quanto detto fin qui potrebbe far apparire la vendita di titoli azionari allo scoperto come un’operazione esclusivamente vantaggiosa che non nasconde insidie.

In realtà, se da un lato rappresenta una buona opportunità per ampliare il ventaglio di opportunità di guadagno sui mercati azionari, dall’altra è molto rischiosa per vari motivi.

Si tratta di una scommessa in controtendenza con la natura del mercato

Abbiamo già sottolineato che tendenzialmente i mercato azionari si muovono al rialzo nel lungo periodo quindi “scommettere” che un’azione, al contrario, diminuisca di valore è una vera e propria scommessa che potrebbe anche rivelarsi corretta.

Tutto sta nell’avere il giusto timing.

Le perdite sono potenzialmente illimitate

Lo so è un concetto alquanto catastrofista ma effettivamente lo short selling offre l’opportunità di poter generare un profitto limitato (un’azione non può mai scendere al di sotto di zero) ma potenzialmente le perdite possono essere illimitate. Un titolo azionario che oggi vale 10 potrebbe vedere il suo valore aumentare senza alcun limite.

I costi dell’operazione possono essere molto alti

Oltre ai rischi, quando si investe bisogna anche prendere in considerazione i relativi costi.

Vendere allo scoperto sappiamo già che presuppone un prestito e quindi sarà necessario pagare degli interessi al soggetto che ci presta i titoli.

Con la vendita allo scoperto bisogna cogliere l’attimo

Nel lungo periodo i mercato azionari tendono ad attraversare fasi rialziste. Ciò significa che per riuscire a vendere allo scoperto con profitto è necessario saper cogliere l’attimo e studiare con attenzione il mercato di riferimento sui cui ci si appresta ad investire.

In sostanza, a meno di non essere un mago del mercato… ci vuole culo! Quindi, consiglio personale, statene alla larga

Questo articolo non vuole essere un incitamento ad effettuare le operazioni finanziarie trattate. Io stesso me ne guardo bene ritenendole inutilmente rischiose.

Aprire una posizione short e sbagliare le previsioni può essere catastrofico. Vediamo come Bill Ackman ha perso 750 milioni di dollari shortando Herbalife.

Rimani aggiornato e scarica gratis il mio ebook sui finanziamenti auto!

 

Loading

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per diversi scopi, tra cui raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito. Continuando ad utilizzare il sito si accettano le condizioni della privacy. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi