S&P 500

S&P 500

Con questo iniziamo una serie di articoli dedicati ai termini tecnici più comuni nel mondo della finanza e dell’investimento.

Quasi tutti avrete sentito parlare dell’indice Standard and Poor 500 (S&P 500), magari non tutti sanno di cosa si tratta.

Cos’è?

L’S&P 500 è un indice che traccia l’andamento di un paniere di 500 aziende americane a più larga capitalizzazione.

Capitalizzazione (market cap in inglese) = valore di mercato delle azioni in circolazione

Per farla semplice, al suo interno troviamo le aziende (americane ma anche multinazionali) più fighe, più grandi e con un maggior numero di azioni scambiate al mese.

Per questo si dice che l’indice traccia l’andamento del mercato azionario e dell’economia americana.

Chi decide le aziende appartenenti e come si calcola il valore dell’indice

Le aziende appartenenti all’indice sono scelte da un comitato sulla base di precisi criteri a cui ho fatto riferimento poco sopra.

Il valore dell’indice si calcola sommando la capitalizzazione di tutte le aziende presenti nel paniere dividendola per un valore predefinito chiamato divisore. Al momento questo divisore è di circa 8.9 miliardi.

Il valore del divisore viene aggiustato nel caso di emissioni di ulteriori azioni o altri cambiamenti strutturali delle aziende, di modo da mantenere invariato il valore dell’indice.

Va da se che se la capitalizzazione totale, quindi il valore di mercato delle azioni, cresce, il valore dell’indice cresce.

Investire nello S&P 500

Per investire nello S&P i metodi sono 2:

  • Comprare le azioni delle 500 aziende che compongono il paniere avendo cura di modificarle quando il paniere si aggiorna
  • Comprare un ETF che traccia l’indice S&P 500

Direi che c’è ben poco da discutere a riguardo. Accaparriamoci un ETF che traccia l’andamento dell’indice a siamo a posto!

Per calcolare la % di peso di ogni azione all’interno dell’indice, basta dividere la capitalizzazione dell’azienda interessata per il totale della capitalizzazione dello S&P 500.

Gli altri indici famosi

Gli altri indici di cui si sente parlare spesso sono ad esempio il FTSE MIB, Hang Seng di Hong Kong, il CAC 40 o il DAX di Francoforte.

Io li ricordo perché ogni mattina prima di andare a scuola sentivo il TG5 che ripeteva sempre quei nomi. Non so se capitava anche a voi!

Ogni mattina!

Cosa sono?

Ognuno è l’indice di riferimento per il mercato azionario di un paese.

Il FTSE MIB è l’indice di riferimento del mercato azionario italiano, il CAC della Francia, il DAX della Germania e così via.

E il DOW JONES?

Anche questo famoso, è molto famoso e spesso citato.

E’ un indice che traccia il mercato azionario americano ma con criteri leggermente diversi.

Traccia l’andamento del prezzo delle azioni delle 30 aziende più grosse quotate sul NASDAQ e sulla New York Stock Exchange. (Questi ultimi due sono luoghi dove si effettuano compravendite di azioni e altri titoli finanziari)

Ora ne sappiamo un po’ di più!

Ora che sappiamo cosa sono gli indici e cosa traccia l’indice più famoso, ovvero lo S&P 500 abbiamo fatto un piccolo passo nel mondo degli investimenti e delle azioni.

Ce ne aspettano molti altri, quindi state pronti!

Rimani aggiornato!

 

Ultimi articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per diversi scopi, tra cui raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito. Continuando ad utilizzare il sito si accettano le condizioni della privacy. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi