Allocazione 4 stagioni con ETF

Portafoglio 4 stagioni con ETF Fineco

Come forse vi avevo accennato, qualche mese fa ho letto il libro di Tony Robbins Soldi. Domina il gioco.

Una tra le sezioni più interessanti ma anche quella che mi ha reso più scettico è stata quella in cui parlava del portafoglio 4 stagioni.

L’idea è di Ray Dalio e la riassumo qui di seguito, per chi non ne avesse mai sentito parlare o volesse rispolverarne il contenuto.

Ray sostiene che ci siano solo 4 possibili situazioni (o stagioni) economiche che condizionano gli investimenti, le quali però (purtroppo e per fortuna) non hanno un ordine ciclico o ben definito nel quale si presentano.

Esse sono:

  1. Inflazione superiore alle attese (prezzi in crescita)
  2. Inflazione inferiore alle attese (deflazione)
  3. Crescita economica superiore alle attese
  4. Crescita economica inferiore alle attese

Quando compriamo un’azione, acquistiamo le aspettative che il mercato ha per il futuro di quell’azienda. Per questo motivo quando un’azienda dichiara utili inferiori alle attese, il titolo crolla.

Se abbiamo una crescita superiore alle attese, quindi, le azioni andranno bene ma, ad esempio, i bond andranno male. Viceversa in caso di crescita inferiore alle attese.

Il consiglio è quindi di investire il 25% del portafoglio in ogni stagione.

Nel corso della vita del portafoglio, ognuna di queste vedrà dei momenti di crisi, ma i nostri investimenti saranno salvati dal resto del portafoglio.

Non possiamo predire il futuro, per cui dobbiamo proteggere i nostri investimenti il meglio possibile

Ok, ma quale investimento corrisponde a ciascuna stagione?

Avendo definito ogni singola stagione, ecco uno schema di quale investimento corrisponde ad ognuna di esse:

Inflazione superiore alle attese (prezzi in crescita):

Merci, oro, titoli legati all’inflazione (TIPS)

Inflazione inferiore alle attese (deflazione)

Titolo di stato, azioni

Crescita economica superiore alle attese

Azioni, obbligazioni, merci, oro

Crescita economica inferiore alle attese

Titoli di stato, titolo legati all’inflazione (TIPS)

Ok, ne so quanto prima… possiamo semplificare?

Eccoci finalmente alla parte calda dell’articolo! Semplificando al massimo la composizione del portafoglio abbiamo:

  1. 30% di azioni (es. S&P 500)
  2. 15% di titoli governativi a medio termine (7-10 anni)
  3. 40% di titoli governativi a lungo termine (20-25 anni)
  4. 7.5% in oro
  5. 7.5% in materie prime

Ma come ETF-izzo tutto questo?

Ed è proprio qui che sono rimasto anche io a bocca asciutta! Tutto molto bello, molto dettagliato ma al contempo spiegato in modo semplice.
Purtroppo alla fin fine si rimane sempre con la voglia di agire ma senza sapere come.

Mi sono perciò messo all’opera per creare un portafoglio virtuale utilizzando ETF acquistabili tramite Fineco.

Ho utilizzato il sito JustETF che ho sempre trovato molto utile e questa è la lista degli ETF scelti per il mio portafoglio che ho avviato.

Lista ETF Fineco per portafoglio 4 stagioni

Di seguito il dettaglio del portafoglio

Ecco il dettaglio del portafoglio

Rianalizzando il portafoglio tra uno o due anni vi accorgerete, ovviamente, che le percentuali saranno diverse. E’ fondamentale un periodico

Riequilibrio del portafoglio

Man mano che variano le percentuali all’interno del portafoglio è indispensabile procedere con operazioni di riequilibrio per mantenere il rischio sempre sotto controllo.

In realtà, vi sto nascondendo una cosa. Se avete letto il mio articolo su come attivare ETF Replay su Fineco saprete che è possibile dichiarare già la suddivisione di modo che il processo sia assolutamente automatico e non ci si possa sbagliare.

Ha davvero i rendimenti mirabolanti che ci si aspetta?

Nel libro chiaramente questo metodo viene descritto come un investimento che ritorna dei rendimenti molto alti e che limita moltissimo le perdite negli anni di crisi.

Non posso confermare ne smentire la cosa, ovviamente.

Vi terrò aggiornati sull’avanzamento del mio portafoglio virtuale anche se qualche mese o anno non possono assolutamente darci un’idea chiara della bontà di questo portafoglio 4 stagioni.


Le informazioni pubblicate su questo sito non devono essere considerate una sollecitazione o la promozione di alcuna forma di investimento, ne raccomandazioni personalizzate ai sensi del Testo Unico della Finanza, trattandosi unicamente di informazione standardizzata rivolta al pubblico indistinto.
E’ doveroso ricordare che eventuali risultati realizzati nel passato da tali portafogli non possono mai costituire alcuna garanzia di eguali rendimenti per il futuro. Considerato che si tratta di un mero servizio informativo e divulgativo si consiglia all’Utente prima di utilizzare qualsiasi raccomandazione o indicazione di informarsi accuratamente.


Scopri qui come si è comportato nella crisi del 2020 dovuta al Coronavirus.

Ricevi tutti gli aggiornamenti e il mio ebook gratis!

 

4 Comments

  • Giaco

    Sei prodotti differenti con il piano di accumulo ETF di Fineco non rischiano di arrivare ad un costo di gestione mensile un po’ troppo elevato?
    Potresti per favore contattarmi anche per email? Non riesco a trovare un tuo indirizzo di posta elettronica.
    Grazie mille!

    • admin

      Ciao!
      Certo, ovviamente 6 ETF contemporaneamente con il piano ETF replay sarebbero follia pura, a meno di non investire cifre tali da rendere le commissioni quasi inesistenti (in percentuale). Potremmo eliminare Il developed Europe, e procedere con l’acquisto di 1-2 ETF al mese di modo da arrivare ad avere il nostro portafoglio in pochi mesi.
      Comunque ricordo, IMPORTANTISSIMO, non sto dicendo che questo è il portafoglio definitivo che darò sempre rendimenti positivi!
      Detto questo, la mail è info@diventeromilionario.it

      Buona serata!

  • Laura

    Salve. Ma per abbattere i costi, si potrebbe comprare in maniera manuale, senza l’automazione di Replay, uno o due tipi di ETFs sopra descritti e così, a rotazione, comprarli tutti entro sei mesi. Penso che si possa fare, no? Domanda a te che hai già FINECO: per comprare ETF si può evitare di usare Powerdesk? Grazie.
    (Ho letto anch’io il libro di Anthony Robbins e anch’io diventerò milionaria!) ;-D

    • admin

      Ciao! Per comprare ETF non serve assolutamente Powerdesk, tranquilla.
      Per quanto riguarda l’idea di comprare in maniera manuale… è uno degli errori che ho fatto anche io agli inizi! Ne parlavo in un post negli anni scorsi.
      Purtroppo il costo per eseguito (quindi per ogni operazione di acquisto ETF) costa… … tensione… 19€! Eh già! 19€ contro i 2.95€ per eseguito dell’ETF Replay.
      Ad essere precisi, nei primi tre mesi dall’apertura del conto il costo per eseguito è di 9.95€, poi varia in base alle commissioni che generi in un mese (bada bene, alle commissioni, non alla quantità di soldi che investi).
      La pagina di Fineco dove puoi trovare queste informazioni è questa!
      Spero di averti evitato una spesa inutile… anche se è tutta esperienza.
      Ciao e ci vediamo milionari!
      Giacomo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *