Opinioni

Rendita mensile onesta

Questo post nasce da una semplice domanda che mi sono posto mentre scrivevo l’articolo sulle azioni e gli etf.

Scegli una cifra mensile il più ragionevole possibile che da qua alla morte ti permetta di vivere senza lavorare mantenendo una moglie e uno/due figli.

Ovviamente questi conti sono molto personali e dipendono da eventuali mutui, finanziamenti ecc. Per rendere il tutto più divertente mettiamo il paletto che i soldi non possano essere risparmiati. Quello che non spendo, alla fine dell’anno lo perdo (di modo da permettermi di programmare le ferie e sopperire a qualche imprevisto).
Di seguito farò le mie riflessioni ma sarò molto interessato anche alle vostre!

Qualche conteggio

Da quando ho iniziato a convivere con mia moglie, abbiamo aperto un conto comune nel quale mensilmente versiamo 450€ a testa. Sapendo che l’affitto era di 450, vivevamo con 450€ e indovinate un po’? Già, non bastavano mai e dovevamo fare dei bonifici aggiuntivi verso il 20 del mese, soprattutto nei mesi in cui arrivavano bollette.
Ora che ci siamo trasferiti e l’affitto è una parola che ci siamo ormai dimenticati, continuiamo a versare la stessa cifra con la quale, però, conti alla mano (che magari condividerò in futuro) riusciamo a mantenere anche le due macchine (non odiatemi ma una ci è stata regalata e faceva brutto rifiutare!).
Questo appena iniziato è solo il secondo mese rent-free quindi è presto per fare dei conti su dati reali ma posso confermare che attualmente con 900€ mensili potrei vivere tranquillamente con qualche cena fuori e aperitivi con amici.

Siccome mi piace viaggiare inserisco anche un budget per due viaggi all’anno che potrebbero richiedere 2000€ l’uno quindi circa altri 300€ al mese.

Poi riflettevo sul fatto di dare un mini stipendio a testa di modo da permetterci di fare alcune spese a cuor leggero, senza intaccare il budget familiare. Questo lo assesterei a 600€ contando di avere sempre la rata della macchina da pagare (che per fortuna finirà a “breve”).

Tiriamo le somme

900€ per vitto, utente e tutte le spese della famiglia
300€ cassa vacanze
600€*2 mini stipendio

2400€

E i figli?

Beh, inutile dire che il budget per i figli si ricava, nel mio caso, erodendo il budget personale. Il budget per le vacanze rimane uguale ma invece che farne due mega galattiche, farne due discrete o una buona. Tanto quel che conta è stare assieme!

Però…

Allora qualcosa non mi quadra, perché questo articolo l’ho scritto pensando alla situazione ottimale (nel limite del ragionevole) che potrei richiedere per sentirmi tranquillo. Attualmente sia io che mia moglie abbiamo un’entrata mensile superiore (sebbene di poco) ai 1200€ a testa. Dunque perché ora mi sembra che non bastino mai? Di essere sempre sul filo? Di volere sempre di più?
Certo in questo caso non è considerato il risparmio e quindi le cose un po’ si sfasano ma non di troppo.

Il problema risiede nel vedere la questione nel suo insieme senza spezzettarla per poter capire effettivamente come è composta.
Basti pensare a quando abbiamo un problema che ci tartassa da mesi e non sappiamo come uscirne, quanto tempo richiederà e se ce la faremo. Poi iniziamo ad affrontarlo piano piano, dividendolo in piccoli task e in men che non si dica ci rendiamo conto che non era il mostro terribile che pensavamo fosse!

Giacomo e il passante

Mi immagino di fare questa domanda ad una persona qualunque trovata per strada.


Giacomo: “Ti senti tranquillo a vivere con quello che guadagni attualmente?”
Passante: “Assolutamente no”
G: “Quanto vorresti guadagnare al mese per vivere tranquillamente con la tua famiglia?”
P: “3000€”
G: “Adesso quando guadagni?”
P: “1400 con 13esima e 14esima”
G: “E tua moglie?”
P: “1300 senza 14esima”
G: “Quindi 36500€ all’anno”
P: ” Eh già…”
G: “Però ti sentiresti più tranquillo a vivere con (3000€*12) 36000€ all’anno. Quindi vorresti guadagnare meno per essere più sereno?”
P: “Eh? No, aspetta, cos? Come? Ma…”


E non credo che un discorso del genere sia così inverosimile, questo perché alle persone:
1. Piace lamentarsi
2. Non piace vedere le cose da un punto di vista diverso. La televisione e i miei amici dicono che guadagniamo poco? Allora è così

Salvo poi trovare un Giacomo qualunque per strada che ti fa vedere le cose da un altro punto di vista e ti fa capire che effettivamente si può vivere tranquillamente con quello che si ha.

E voi, al posto del passante che cifra avreste detto? Col senno di poi anche la vostra situazione finanziaria è già in linea con una situazione che definireste “tranquillizzante”? Scrivetelo nei commenti o rispondete al sondaggio!

In evidenza nel sito:

Consigli di Business

Come monetizzo questo blog?

2 Comments

  • Bierlollo

    Ciao Giacomo. A supporto della tua tesi aggiungo che se non lavori (potendoti permettere di vivere di rendita) probabilmente avrai anche meno spese. Ad esempio diminuiranno le spese in trasporti, in vestiti (io ad esempio sono “obbligato” ad andare al lavoro in camicia e cravatta) e in pranzi fuori casa. Potrebbero sembrare poco ma io li valuto in circa 150/200 euro al mese.
    Già da tre mesi sto lavorando a un romanzo intitolato “Pensionato a 50 anni” (ho fatto anche la pagina FB se vuoi seguire come procede). Basandomi su dati reali, spiegherò come è possibile per una persona normale potersi permettere di vivere di rendita dopo 25 anni di lavoro. Secondo i miei calcoli io dovrei farcela a 52 anni.
    Personalmente ti posso dire che a quell’età sarò finalmente senza mutuo sul groppone e con 1.000€ al mese dovrei vivere dignitosamente. Tale rendita passiva dovrebbe essere generata senza difficoltà da un patrimonio investito di circa 350/400.000 euro.
    Queste le mie impressioni. Spero di essere stato utile.

    • admin

      admin

      Ciao! Grazie per le considerazioni.
      Sull’affermazione che “se non lavori probabilmente avrai anche meno spese” non so se essere d’accordo. Personalmente so che se non lavorassi sarei una bomba di consumismo ad orologeria! Difatti dovrò migliorare in questo.
      Per la rendita passiva concordo con i tuoi conti, io sono giunto alla conclusione che per avere 2400€ al mese dovrei aver investito circa 720.000€.
      Poi grazie al libro potresti avere un’ulteriore rendita molto interessante! In bocca al lupo per la scrittura! (Ma pensi di farcela a 52 anni ad essere indipendente o a finire di scrivere il libro? 😀 ).

      Buon inizio di settimana!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *